Dubbi sulla somministrazione dell’immunoprofilassi

Dottoressa Faustina Lalatta A cura di Dottoressa Faustina Lalatta Pubblicato il 28/05/2024 Aggiornato il 28/05/2024

Le conoscenze scientifiche circa la somministrazione di anticorpi contro il fattore Rh positivo sono così approfondite da rendere le procedure assolutamente sicure.

Una domanda di: Anna
Salve dottoressa, ieri a 28 settimane + 3 giorni di gravidanza mi sono sottoposta all’immunoprofilassi perché io Rh negativo e mio marito Rh positivo. Già mi fecero questa siringa un anno e mezzo fa dopo un aborto per lo stesso motivo. So che se mia figlia avrà lo stesso gruppo mio non me la rifaranno dopo il parto. Ma la mia domanda è: se la bimba avesse il mio stesso gruppo questa siringa è pericolosa per lei? Posso stare tranquilla non ci sono controindicazioni per la piccola? La ringrazio anticipatamente.
Faustina Lalatta
Faustina Lalatta

Gentile signora,
La tranquillizzo subito: la somministrazione di immunoglobuline, in pratica si tratta di anticorpi contro il fattore Rh positivo, è innocua per un bambino con fattore Rh negativo, cioè come il suo. Sulla base della mia esperienza però so che la somministrazione si esegue entro 72 dal parto (o da un aborto) e non in altre circostanze, a meno che sia stata eseguita una procedura invasiva come l’amniocentesi. Il parametro più importante da controllare durante la gravidanza è il test di Coombs che deve essere costantemente negativo.
Tenga presente che su questo argomento le conoscenze sono molto approfondite e si agisce in piena sicurezza.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti