Dubbi sulla terza dose di esavalente

A cura di Dott.ssa Elena Bozzola Pubblicato il 04/05/2021 Aggiornato il 04/05/2021

E' importantissimo completare il ciclo delle vaccinazioni dei bambini. E' un modo per proteggerli dai rischi temibili a cui li esporrebbe contrarre la malattia contro cui il vaccino tutela.

Una domanda di: Sara
Ho una bambina di quasi 18 mesi che deve sottoporsi alla terza dose di
esavalente con molto ritardo rispetto al calendario vaccinale, purtroppo
andando al nido è stata spesso ammalata e ben 2 volte siamo stati in
quarantena per CoVid.
La terza dose sarà effettuata, come le prime due con l’esavalente vaxelis, in
Campania al momento c’è solo questo disponile, ho chiesto se poteva essere
somminiatrato alla bimba un vaccino diverso dato che ho letto che quello che
faranno a lei ha studi riguardanti la sicurezza solo fino a 15 mesi anche se
il pediatra che la segue mi ha detto che è autorizzato fino a 6 anni.
Che rischi potrebbe portare alla bambina? Trovo grave che non ci siano studi
sopra ai 15 mesi e non posso nemmeno avere un altro prodotto.
Che reazioni mi devo aspettare?
Con le prime due dosi ha avuto febbre fino a 39, ma la somministrazione è
avvenuta insieme al vaccino per il pneumococco, stavolta farà solo
esavalente.
Elena Bozzola
Elena Bozzola

Cara lettrice,
la vaccinazione esavalente è una vaccinazione, oltre che obbligatoria, anche molto importante per proteggere la sua bambina contro difterite, tetano, pertosse, epatite B, poliomielite ed Haemophilus Influentiae. Pertanto, in caso di ritardo nella somministrazione di una dose, è importante recuperarla quanto prima, per evitare il rischio di malattie prevenibili. Le reazioni associate più frequenti sono febbre, dolore e rossore in sede di vaccinazione, pianto, inappetenza. Vaccini dunque tranquillamente la sua bambina. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti