Dubbi sull’anello contraccettivo

Dottoressa Elisabetta Canitano A cura di Dottoressa Elisabetta Canitano Pubblicato il 28/09/2022 Aggiornato il 28/09/2022

È normale che nelle prime setimane di utilizzo dell'anello si verifichi un insolito sanguinamento. In genere. già dal secondo mese di impiego tutto si risolve.

Una domanda di: Sara
Salve, è ormai un mese che utilizzo l’anello kirkos. Ho avuto dei sanguinamenti per quasi tutto il mese. Sono andata dal mio ginecologo e mi ha detto che era normale e che comunque le perdite sarebbero passate e poi tornate per almeno i primi 2/3 mesi dell’utilizzo dell’anticoncezionale. Dopo ben 21 giorni domani dovrei togliere l’anello e mi dovrebbe venire quindi il ciclo, la mia preoccupazione è che i sanguinamenti non sono mai finiti, li ho avuti praticamente tutti i giorni. A oggi, un giorno prima della rimozione dell’anello, il sanguinamento è stato un po’ più abbondante e soprattutto di colore rosso vivo mentre le altre volte era rosso molto scuro tendente al marrone. La mia domanda è: domani che tolgo l’anello, dato che già ho delle perdite di sangue, come farò a capire se il ciclo mi viene o no? In più, queste perdite di sangue che durano ormai da 21 giorni, soprattutto queste perdite degli ultimi giorni che sono leggermente più abbondanti e di un sangue rosso vivo, sono davvero normali? Un’altra mia domanda è una curiosità, con l’utilizzo dell’anello è possibile la eiaculazione interna dopo una settimana (tempo che mi è stato consigliato di aspettare prima di avere rapporti non protetti) senza rimanere incinta? L’anello mi copre anche durante la pausa in settimana?
Elisabetta Canitano
Elisabetta Canitano

Gentile Sara, quello che le ha detto il suo medico è giustissimo. In genere già dal secondo mese le perdite di sangue passano. Il primo mese sono perfettamente normali. Non saprei come tranquillizzarla ulteriormente. Per il resto i contraccettivi ormonali sono stati inventati per avere rapporti completi non protetti sia nei 21 o 24 giorni che si assumono sia nei sette o quattro giorni di pausa. Questo a patto che sia veramente la pausa, cioè che si ricominci puntualmente la nuova confezione. Se invece non si ricomincia al termine della pausa allora sono giorni a rischio. E’ un po’ come se chiedesse se è sicuro andare in aereo….chi ci lavora ci passa la vita e le persone lo prendono anche solo per andare a divertirsi. Certo nessuno ci obbliga a farlo. Comunque la settimana di attesa è del tutto inutile. L’anello, come tutti i contraccettivi è sicuro fin dal primo giorno, se viene inserito il primo giorno della mestruazione e dopo sette giorni se lo si inserisce in qualsiasi altro giorno. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti