Dubbi sulle misure della circonferenza cranica

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 06/05/2019 Aggiornato il 06/05/2019

Un'unica misura è poco significativa. Quello che conta è che la crescita del neonato avvenga in modo armonico e costante.

Una domanda di: Giada
Salve da poco ho dato alla luce il mio piccolo a 38 settimane, peso g 2710 (10-25°), lunghezza cm 48.5 (25-50°),circonferenza cranica 32.5 (3-10°).
Quest ultimo valore mi desta un po’ di preoccupazione. Ritiene sensate le mie preoccupazioni? Dovrei fare degli accertamenti in più?
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara mamma,
la differenza tra peso (10-25°) e circonferenza cranica (3-10°) è di 1 solo percentile, quindi il piccolo risulta “proporzionato”. Una misura singola non è
peraltro significativa: va valutato dal pediatra il “trend di crescita” che se sarà armonico e regolare, rappresneterà la più convincente evidenza che tutto va bene. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti