Dubbi sulle settimane di gravidanza

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 22/09/2022 Aggiornato il 22/09/2022

Ridatare la gravidanza significa datarla in base a quanto rileva l'ecografia e non partendo dalla data di inizio dell'ultima mestruazione, come si fa convenzionalmente. La ridatazione si fa una sola vola, quindi le settimane di gravidanza sono quelle che il ginecologo comunica durante il primo controllo.

Una domanda di: Elsa
Buongiorno dottore,volevo farle una domanda per togliermi un dubbio. Il 18 marzo ho avuto l’ultima mestruazione, alla prima visita fatta a 8 settimane+5 il 18/05/2022 il crl era di 1,7cm dpp23/02/2022 credo sia stato concepito i primi giorni di aprile, volevo sapere se le settimane erano esatte o se potrebbe essere stato concepito addirittura prima della mestruazione il 13/03 visto che la mestruazione era molto scarsa. La ringrazio.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la datazione di una gravidanza può essere effettuata sulla base dell’anamnesi (l’ultima mestruazione dichiarata) oppure sul dato ecografico. Quando viene effettuato il calcolo in base alla ecografia si riferisce alla misura media che confrontata con quella statistica riportata sui database definisce che la misura corrisponde a determinate settimane e giorni. In tal senso quindi la misurazione ecografica può essere utilizzata quando, in presenza di un ciclo irregolare o per incapacità della paziente di ricordarsi la data dell’ultima mestruazione, è l’unico modo per datare la gravidanza. La datazione può essere concorde con il dato anamnestico oppure discorde se i valori risultano più grandi o più piccoli. Nel caso in cui siano più grandi la gravidanza può essere ridatata se la differenza è almeno di sette giorni, definendo quindi una gravidanza più avanti rispetto a quello che è il dato anamnestico. Al contrario se invece valori risultano inferiori. Sperando di essere stato utile, la saluto con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti