Dubbi sulle vaccinazioni effettuate in gravidanza e sul bambino

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 08/12/2020 Aggiornato il 08/12/2020

Il calendario delle vaccinazioni che vengono somministrate alla popolazione, inclusa quella delle donne in gravidanza, è quello considerato sicuro dalla Comunità scientifica quindi se ci si attiene a esso non si corrono rischi particolari.

Una domanda di: Valentina
A 35 settimane di gravidanza ho effettuato il vaccino dtpa come da raccomandazioni. Mio figlio che oggi ha 4 mesi e ha già effettuato come da
calendario vaccinale la prima dose di vaccino esavalente a due mesi e mezzo. Avrei dei dubbi:
1) il vaccino trivalente è raccomandato in gravidanza da 10 anni (negli Stati Uniti) e da 3 anni in italia. Ho paura che quindi non si possano
escludere effetti a lungo termine sui neonati che sono stati vaccinati durante la gravidanza.
In particolare ho paura che questo vaccino possa avere effetti sulla futura fertilità di mio figlio. Ho questa paura perché ovviamente essendo
raccomandato solo da 10 anni come si fa a sapere se i bimbi le cui madri
sono state vaccinate durante la gravidanza sono fertili?
2) So che ci sono studi che sospettano una diminuzione della risposta
immunitaria nei figli nati da madre vaccinata in gravidanza. Come posso
sapere se mio figlio è un responder a questo punto alle vaccinazioni che
effettuerà? Devo ogni volta dosare le IGG con esami ematici? Mi preoccupa in
particolare l’epatite B. Vorrei che fosse protetto e ho paura che non lo
sia a causa della ridotta risposta immunitaria che potrebbe avere.
3) Il vaccino dtp io l’avevo fatto 5 anni prima di restare incinta. Ho
comunque fatto bene a rifarlo in gravidanza a distanza di solo 5 anni?
4) Ho fatto bene a sottoporre mio figlio al vaccino esavalente a 2 mesi e mezzo
come da calendario vaccinale o sarebbe stato meglio aspettare dato che tanto
aveva già gli anticorpi passati da me? Considerando anche che il vaccino l’
ho effettuato a 34+2 settimane quindi comunque un po’ in ritardo?
5) Il vaccino che gli hanno somministrato è stesso che nei bimbi la cui madre
non è stata vaccinata o ci vuole un preparato apposito? Il centro
vaccinale nemmeno lo sa che io mi sono vaccinata!
Sono molto in ansia, specie per la domanda 1. Ho paura che mio figlio avrà
effetti a lungo termine a causa di questo vaccino che ho fatto in
gravidanza. Posso escluderlo? Grazie.

Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Valentina,
provo a rispondere alle sue domande:
1) Al momento gli studi disponibili non hanno documentato una associazione tra vaccino difterite-tetano-pertosse in gravidanza e effetti a lungo termine nei bambini. E’ improbabile che questo vaccino effettuato in gravidanza possa ridurre la fertilità nei figli, dal momento che contiene solo dei componenti dei batteri, non in grado di causare alcuna infezione e non ci sono motivi per ritenere che la risposta immunitaria successiva al vaccino possa alterare la fertilità.
2) Alcuni studi hanno osservato una minore risposta immunitaria nei bambini con vaccinazione durante la gravidanza. La risposta immunitaria diminuita è presente nei primi mesi di età e riguarda la produzione di anticorpi contro i componenti dei tre vaccini (difterite, tetano, pertosse) somministrati in gravidanza. Non ci sono, invece, dati su una minore risposta nei confronti degli altri vaccini che compongono l’esavalente, come quello contro l’epatite B.
Occorre considerare che con la seconda e soprattutto con la terza dose di vaccino esavalente il livello di anticorpi è simile a quello osservato nei neonati con mamme non vaccinate in gravidanza.
3) Il vaccino dtp è consigliato alle donne in gravidanza, indipendentemente dalla data dell’ultimo richiamo. Nel suo caso, essendo trascorsi 5 anni la scelta di vaccinarsi è corretta.
4) Non ci sono ancora dati conclusivi per valutare se sia opportuno rimandare la prima dose di vaccino esavalente nei neonati nate da mamme con dtp in gravidanza. Al momento la maggior parte degli esperti ritiene che sia preferibile non modificare il calendario vaccinale.
5) Il vaccino esavalente è disponibile in Italia con due nomi commerciali, ma i componenti sono gli stessi. Non c’è, quindi, alcun motivo per ritenere preferibile l’uno o l’altro preparato. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni sulla pelle dopo il vaccino anti-Covid

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Le eventuali reazioni locali all'inoculazione del vaccino possono essere controllate con pomate a base di antistaminico.  »

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti