Dubbi sull’impiego di iodio in gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 03/02/2020 Aggiornato il 04/02/2020

L'eventuale indicazione ad assumere iodio, anche in quantità lievemente superiori al limite di riferimento, va seguita con fiducia in quanto persegue uno scopo terapeutico ben preciso.

Una domanda di: Maria
Sono in gravidanza a 14+6 settimane di gravidanza e poiché all’ultimo controllo effettuato qualche giorno fa ho riscontrato tsh a 3.12 l’endocrinologa mi ha detto di prendere tutti i giorni una pastiglia di Thirodium 100 mcg e tutti i giorni una compressa di Natalben più che già assumevo (contiene 200mcg di iodio ). Valuterà fra 2 settimane se questa terapia è sufficiente per abbassare il TSH o se è necessario iniziare terapia con Eutirox. Avrei due domande: 300 mcg di iodio al giorno non sono troppi? Possono nuocere al feto? Il valore di Tsh a.3.12 può aver causato danni al feto? (Ho letto che in gravidanza dovrebbe stare a 2.5 massimo nel 1 trimestre… e sotto i 3 nel secondo e terzo…). Io non l’ho mai dosato in gravidanza prima di ora, ma l avevo dosato una settimana prima di scoprire di essere incinta e avevo 1.8 quindi nella norma….

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, le domande che mi ha posto sono forse segno che non ha fiducia nella curante endocrinologa?
Spero di no, anche perché condivido le sue indicazioni terapeutiche.
Ad ogni modo, il limite di riferimento in gravidanza per l’assunzione di iodio è di 290 microgrammi al giorno, quindi assumendo il thirodium e il multivitaminico lei lo supera di poco, ma si tratta comunque di un breve lasso di tempo e con l’intento di far “ripartire” la sua tiroide che deve in questa fase della gravidanza lavorare sia per lei che per il suo bimbo.
Il limite di TSH per fare diagnosi di ipotiroidismo subclinico in gravidanza è stato recentemente rivisto e alzato da 3 a 4, per cui nel suo caso è corretto temporeggiare nell’iniziare la terapia sostitutiva con levotiroxina.
Non ritengo che il suo bimbo abbia corso dei rischi finora e se il TSH sarà monitorato regolarmente nel corso dei nove mesi, non correrà rischi nemmeno in futuro.
Spero di averla rincuorata, a disposizione se desidera per ulteriori chiarimenti, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti