Dubbio di essere incinta senza rapporti sessuali né il minimo contatto con un uomo

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 17/08/2022 Aggiornato il 17/08/2022

Quando si nutrono timori che non possono che essere del tutto e inequivocabilmente infondati, è possibile trovarsi alle prese con un disagio emotivo che è bene non trascurare.

Una domanda di: Jennifer
Carissimo dottore, ho un’ansia terribile: ho la fissa di controllare la cervice e nei giorni fertili l’ho fatto parecchio, il mio dubbio è che magari non ho pulito le mani prima di farlo e che in qualche modo abbia avviata una gravidanza, premetto che non ho avuto rapporti da sei mesi perché il mio compagno non c’è, ma lavoro facendo pulizie ed ho un figlio adolescente: la mia ipotesi è che dello sperma in qualche modo abbia sporcato le dita e non lavandole abbia fecondato. Grazie in anticipo, spero risponda presto.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora, credo che lei, avendo già un figlio adolescente, abbia raggiunto un’età tale da rendere necessaria la comprensione di come avviene un concepimento: non mi dilungo su questo, tuttavia posso assicurarle che è impossibile, ma davvero impossibile, avviare una gravidanza con la modalità da lei indicata. E, mi scusi, mi sembra davvero strano che a lei sia venuto questo dubbio: forse manca un tassello a quanto mi riferisce. In generale, quello che scrive riguardo alla “fissa di controllare la cervice” mi preoccupa un po’. Non comprendo, infatti, minimamente lo scopo della manovra (oltretutto ripetuta più e più volte): perché controlla il collo dell’utero? Cosa teme o cerca di individuare? Il controllo del collo dell’utero si effettua con il pap test o con l’ecografia o mediante una visita ginecologica: l’indagine fai-da-te non ha alcun senso e non porta a nulla, è fine a se stessa. Ma penso che tutto questo sia espressione di un disagio psicologico che varrebbe la pena di affrontare con l’aiuto di uno psicoterapeuta: ne parli con il suo medico di famiglia, per valutare insieme questa opportunità, visto che trascurarsi potrebbe aprire la strada a vari rischi. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti