Dubbio dopo l’ecografia: il bimbo potrebbe essere basso di statura?

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 15/09/2022 Aggiornato il 20/09/2022

I fattori che determinano la crescita durante la vita intrauterina sono diversi da quelli che la influenzano dopo la nascita: un bambino che viene alla luce di due chili potrebbe, da adulto, tranquillamente arrivare ai 190 centimetri di statura, un neonato di 4 chili potrebbe non superare i 170 centimetri.

Una domanda di: Vanessa
Buonasera dottoressa, le scrivo per chiederle info riguardo alla biometria della morfologica. La mia ginecologa dice che le misure sono perfette ma che il bimbo è solo un po’ cicciotto, cercando su internet però mi sembra che tutti i paramentri siano sopra alla media mentre per quanto riguarda il femore la misura sia inferiore. Questo cosa significa? Potrebbe essere basettino? È un problema avere già parametri così alti? Le allego la foto delle misure. La ringrazio anticipatamente e la saluto cordialmente.
Elsa Viora
Elsa Viora

Gentile Vanessa, alcune informazioni di base: le misure del feto rilevate con l’ecografia vanno confrontate con le tabelle di normalità che derivano dalle misure di centinaia di feti che poi sono diventati dei neonati normali: tale confronto ci consente di dire se la crescita è nella norma per la settimana di gravidanza oppure no. Le tabelle forniscono la distribuzione dei valori in una popolazione (la cosiddetta “curva gaussiana”) i cui limiti sono convenzionalmente fissati al 5° ed al 95° centile, anche se una misura inferiore al 5° centile o superiore al 95° centile non indica necessariamente una patologia, ma solo che quella misura è nelle “code” della curva. In pratica il 5° centile significa che solo il 5 per cento della popolazione rientra in quel gruppo e lo stesso il 95mo centile, cioè il 95 per cento della popolazione ha una misura (qualunque essa sia) compresa fra il 5° ed il 95° centile. Nel suo caso tutte le misure del feto sono comprese fra il 5° ed il 95° quindi sono nella norma e non possiamo ora fare previsioni su come diventerà dopo la nascita o tantomeno da adulto dal momento che i fattori che determinano la crescita in utero sono diversi da quelli che determineranno la crescita dopo la nascita. Un bambino che nasce di 2 Kg può diventare alto 1 metro e 90 e viceversa un bambino di 4 Kg può diventare un adulto di 1 metro e 70. Quello che ci interessa ora è che il feto stia crescendo in modo adeguato per la settimana di gravidanza. Spero di essere riuscita a chiarire i suoi dubbi.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti