Dubbio su cosa mangiare in gravidanza

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 19/08/2023 Aggiornato il 19/08/2023

Il criterio che deve guidare le scelte alimentari in gravidanza è quello del semplice buon senso che, se utilizzato, suggerisce una dieta varia, ben bilanciata, ragionevolmente calorica. Se però si parte in sovrappeso occorre farsi guidare dal nutrizionista.

Una domanda di: Elena
Salve sono alla decima settimana di gravidanza vedrò il mio prima nutrizionista a settembre: sono tutti in ferie.
Volevo sapere ogni due ore ho sintomi tra nausea e fame e tanta fiacca…non so cosa mangiare.
Tampono con noci carote, cracker, pane per nausea.
Non riesco a mangiare niente di integrale.
Poi i carboidrati si possono mangiare o no? Ho sempre fame di pasta. Addirittura la sera non sempre mi viene il famone di dolci per il calo di zuccheri.
Mangio frutta peer coprire gli zuccheri.
Ma sembra che non basti mai il cibo.
Il mio dubbio è quantità di dolci e carboidrati.
Ovviamente aggiungo integratori.
Saluti.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora,
l’imperativo categorico è riassumibile in due parole: buon senso. Parto dalla sua ultima affermazione “ovviamente aggiungo integratori”. Gli
integratori non si inseriscono “ovviamente” ma solo se ve ne è una precisa necessità, individuata dal medico a cui poi spetta prescriverli.
La dieta in gravidanza (ma questo dovrebbe valere sempre) deve semplicemente essere varia, ben bilanciata, ragionevolmente calorica.
Non troppa frutta (massimo due porzioni al giorno) mentre con la verdura (meglio se cotta) si può abbondare. I dolci sarebbero da eliminare drasticamente, i formaggi da assumere solo occasionalmente in piccole quantità. Anche il pane deve essere limitato. Bene modeste manciate di
frutta secca. Sì alla pasta in quantità ragionevoli. Non so se lei ha iniziato la gravidanza in sovrappeso: se sì (come mi sembra di capire da quello che dice e dalla sua “fame di pasta”) la nutrizionista saprà indicarle come mangiare per affrontare la gravidanza tenendo conto. Tutto qui. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti