Dubbio sui risultati del bitest e sull’opportunità di camminare in presenza di un “distacco”

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 09/05/2019 Aggiornato il 09/05/2019

Se il ginecologo ha prescritto il riposo, è opportuno evitare lunghe camminate, anche se è possibile affrontarle a passo lento e fermarsi spesso.

Una domanda di: Akey
Grazie della risposta in merito al distacco amniocoriale, ne approfitto per farle due domande, una seria, l’altra forse futile.
Ho avuto per via email l’esito translucenza nucale e bitest fatte col distacco, mi avevano detto che probabilmente non sarebbero stati buoni ma a me invece sembrano buoni (non ho ancora avuto modo di parlare col ginecologo). Li riporto qua sotto
rischio base. rischio corretto
Tris 21 1:564 1:11274
Tris 18 1:1358 < 1:20000
Tris 13 1:4266 < 1:20000
sotto c'è scritto rischio base é calcolato sull età di 31 anni. Il rischio corretto su i dati riscontrati durante la translucenza nucale, età e col prelievo del sangue.
L'altra domanda sciocca lo so, sabato avrei avuto un impegno, da raggiungere con un viaggio di 20-30 minuti in treno e poi una camminata di un paio di ore (camminata in città, con possibilità di fermarmi quando voglio per quanto voglio), è meglio evitare?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, l’esame di cui mi ha riportato l’esito é andato molto bene: si parla di basso rischio quando siamo al di sotto di uno a mille di probabilità (ossia meno di 1 caso di bimbi affetti da sindrome di Down su mille mamme in attesa)…figuriamoci se invece si tratta di 1 a 11.000! A questo punto di solito non si eseguono ulteriori approfondimenti di diagnosi prenatale e si effettuano le ecografie “standard” ossia la morfologica a 20 settimane e l’ecografia della crescita attorno alla 30° settimana, oltre alle visite ostetriche mensili e agli esami di laboratorio.
Quanto alla seconda domanda, direi che se lei ha un distacco amniocoriale non è prudente sottoporsi al tragitto che mi ha descritto. Un conto sarebbe un breve tragitto in auto o in treno, ma se mettiamo sul piatto anche una camminata di un paio d’ore non vorrei che poi lei si ritrovasse con dolori pelvici simili al ciclo mestruale o magari con perdite di sangue vere e proprie.
Come dice il proverbio:”meglio una vigilia che una Quaresima!”
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti