Dubbio sui (troppi) valori delle beta

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 02/03/2021 Aggiornato il 02/03/2021

E' veramente inopportuno sottoporsi a continui prelievi di sangue per il dosaggio delle beta-hCG. Meglio attendere il controllo ecografico, per non rischiare di andare incontro a problemi per aver prelevato troppo sangue (oltretutto senza che ce ne sia motivo).

Una domanda di: Lella
Ho avuto l’ultima mestruazione il 12/01/2021…. ho fatto
una visita il 18 febbraio, dove mi hanno detto
che ho una piccolissima camera gestazionale. Risulto una settimana indietro
10 febbraio beta 109…13 febbraio 315 16 febbraio
554… 18 febbraio
583…. sono molto preoccupata vorrei una risposta da voi.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, lei è preoccupata (giustamente!) per la sua gravidanza ma io sono preoccupata per lei! Con tutti questi dosaggi delle beta-hCG finirà per dissanguarsi! Ultimamente si sta abusando un po’ di questo esame che andrebbe a mio avviso utilizzato piuttosto nei casi di dubbia gravidanza extra-uterina.
In casi come il suo il dosaggio delle beta non ci aiuta a decidere sul da farsi, non permette di porre alcuna diagnosi e in ogni caso non sostituisce la risposta che darà la prossima ecografia dove, si spera, potremo riuscire finalmente a vedere il suo “fagiolino” con il battito del cuoricino al galoppo.
Immaginiamo che invece l’ecografia ci dica che la gravidanza purtroppo non sta più procedendo…in tal caso le arriverebbero delle mestruazioni un po’ più abbondanti del solito…anche per questo motivo è meglio non sottoporsi a troppi prelievi del sangue prima, non crede?
Capisco sia logorante l’attesa senza poter fare nulla ma è giusto ammettere che dal punto di vista medico il dosaggio delle beta-hCG in caso di sospetto aborto interno serve soprattutto a limitare l’ansia materna e non ha un valore terapeutico per la gravidanza in quanto tale.
All’inizio della gravidanza (e non solo in realtà) occorre proprio fidarsi della Natura e oserei dire tentare di essere ottimisti senza cercare continuamente conferme che tutto stia andando per il meglio. So che è estremamente difficile, eppure vale la pena imparare ad ascoltarsi e a fidarsi del proprio istinto materno (esiste per davvero, glielo posso garantire!)…vedrà che ne vale davvero la pena.
Spero di averla rincuorata, mi auguro di risentirla presto con buone nuove!
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fimosi dei maschietti: agire con cautela e cognizione di causa è d’obbligo!

04/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Paradossalmente può essere la manovra che a volte si esegue per favorire lo scorrimento del prepuzio sopra il glande a ostacolare la risoluzione spontanea della fimosi, quindi a peggiorarla.  »

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti