Dubbio sul gruppo sanguigno della figlia

Professor Paolo Gasparini A cura di Professor Paolo Gasparini Pubblicato il 11/01/2023 Aggiornato il 11/01/2023

Anche se le probabilità che una coppia abbia un figlio con un determinato gruppo sanguigno sono modeste, non si può escludere che succeda.

Una domanda di: Signora Lorena
Io e mio marito abbiamo entrambi il gruppo sanguigno positivo (papà RH B positivo, mamma RH 0 positivo). Perché mi figlia risulta RH 0 negativo? In attesa di una vostra risposta ringrazio anticipatamente Cordiali saluti.
Paolo Gasparini
Paolo Gasparini

Cara signora, non c’è nulla di strano nel fatto che sua figlia risulti di gruppo sanguigno 0 RH negativo. Sappia infatti che una persona con gruppo Rh positivo, potrebbe essere in realtà ++, ma anche + –  (positivo e negativo) anche se nella pratica viene certificata come RH positivo. Evidentemente è questo il caso di suo marito. Al contrario, un soggetto del gruppo Rh negativo è per forza di cose – -, cioè totalmente negativo. Per quanto riguarda il gruppo sanguigno, evidentemente suo marito è di gruppo B 0 (e non solo B) e ha trasmesso lo 0 a vostra figlia.  Le statistiche ci dicono che la vostra coppia aveva il 25 per cento di probabilità di avere un figlio di gruppo 0. Non c’è dunque alcuna incoerenza né incompatibilità tra il vostro sangue e quello di vostra figlia. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti