Dubbio sul risultato dell’ecografia effettuata su reni e vescica del feto

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 29/02/2024 Aggiornato il 29/02/2024

Se il medico che effettua l'ecografia suggerisce un ulteriore controllo sui reni e la vescica del feto non è automaticamente perché c'è qualcosa che non va. L'indicazione potrebbe infatti essere semplicemente precauzionale.

Una domanda di: Chiara
Vorrei, cortesemente, poter sapere qualcosa in più su quanto andrò a riportare di seguito, cito testualmente:
Calicopielectasia renale mm 6 e mm 4, da ricontrollare tra due settimane. Controllo effettuato dopo due settimane e un altro medico che mi ha visitata ha riportato/ pelvi renali fetali sx a-p mm 5, pelvi renale dx a-p mm4. Biometria corrispondente. Apparato urinario: reni e vescica appaiono normali.
Allego anche foto del referto. Cosa può comportare ciò? Non mi hanno spiegato molto e sono un po’ preoccupata possa procurare al mio bambino delle complicazioni. Rimango in cortese attesa.
Cordialmente.
Elsa Viora
Elsa Viora

Gentile Chiara,
durante l’ecografia ostetrica si effettua una valutazione dei reni e della vescica del feto. I reni sono costituiti da varie parti, in specifico: parenchima che è il tessuto del rene, quello che produce l’urina; pelvi e calici dove si raccoglie l’urina prodotta che poi passa nell’uretere e nella vescica da dove sarà espulsa con la minzione. Di solito non si misura la pelvi, ma se sembra dilatata si misura il diametro antero-posteriore in una scansione trasversale (ci sono regole precise su come va presa questa misura!) e viene considerato “normale” un valore fino a 7 millimetri.
Oltre alla misura della pelvi è importante valutare altri elementi: eventuale dilatazione dei calici; eventuale dilatazione dell’uretere; se la dilatazione è unilaterale (in un solo rene) oppure bilaterale (in entrambi i reni); ecogenicità (ovvero, quantificazione degli echi o riflessioni generati dal tessuto raggiunto dagli ultrasuoni) del parenchima renale; ritmo di riempimento/svuotamento della vescica; quantità di liquido amniotico.
Solo mettendo insieme tutti questi parametri lil medico che ha eseguito l’ecografia può formulare una diagnosi e quindi valutare eventuali ulteriori accertamenti, quali la consulenza con il pediatra urologo, per proporre un percorso diagnostico- assistenziale adeguato e fornire a quel neonato la assistenza migliore.
Da quanto è scritto nel referto, deduco che il medico le abbia spiegato che è normale e proposto, per prudenza, un ulteriore controllo ecografico, infatti è scritto “nella norma”.
Spero di esserle stata utile.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti