Dubbio sul valore delle beta-hCG

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 30/01/2021 Aggiornato il 30/01/2021

Non ha senso continuare a sottoporsi a prelievi di sangue quando è già stato accertato che le beta-hCG aumentano. Quello che serve per avere ulteriori informazioni sull'andamento della gravidanza è l'ecografia.

Una domanda di: Roberta
Il mio ultimo ciclo risale al 16 dicembre. Il 19 gennaio ho fatto le analisi del sangue per verificare se fossi incinta. È risultato positivo con beta-hCG 837. Avvisata la ginecologa, mi dice di ripeterle dopo tre giorni, valore beta-hCG 1752. Mi chiede di ripeterle dopo 4 giorni (26 gennaio), valore 3193. Mi dice che non è altissimo e che devo ripeterle dopo
2 giorni. In tutto questo non so se sta andando comunque bene o se devo preoccuparmi, continuare a lavorare o altro. Mi dia un consiglio, ho 41 anni ed è la mia prima gravidanza.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, non capisco cosa significhi continuare a farle fare prelievi di sangue: il sangue serve a lei e al suo bambino, non ha senso continuare a toglierlo. La gravidanza c’è: è indubbio visto che i valori delle beta-hCG sono aumentati col passare dei giorni. Ora credo varrebbe la pena che lei facesse un’ecografia transvaginale per avere la sicurezza che l’embrione sia in utero. In sintesi estrema, il bimbo c’è occorre vedere dov’è e per riuscirci serve l’ecografia e non il dosaggio nel sangue della gonadotropina corionica. Per il resto, vita normale senza strapazzi fisici, come buon senso vuole in gravidanza. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti