Dubbio sull’aspetto dell’ombelico

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 06/09/2021 Aggiornato il 06/09/2021

Quando cade il residuo del cordone ombelicale, quello che conta è che dall'ombelico non esca sangue o pus o siero.

Una domanda di: Valentina
A mia figlia (nata il 17 agosto), oggi è caduto il cordone ombelicale, dopo quasi 19 giorni. Ho pulito (una volta caduto), con acqua ossigenata come mi è stato detto al momento delle dimissioni. Sono perplessa su com’è l’ombelico. Le allego foto.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
verifichi che in 2-3 giorno che dall’ombelico non escano siero, sangue e/o pus. Dovrebbe in qualche giorno asciugarsi. Continui nella pulizia e nell’uso dell’acqua ossigenata. Non si preoccupi invece se l’ombelico appare doppio o gonfio all’interno, in quanto nel tempo ci sarà una normalizzazione della sua forma, con una sorta di “trazione” verso l’interno. Se invece la secrezione di qualsiasi natura rimane presente all’interno dell’ombelico, faccia valutare la situazione del pediatra curante. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Fai la tua domanda agli specialisti