Dubbio sulle poppate notturne

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/02/2021 Aggiornato il 08/02/2021

Un lattante che di notte si sveglia spontaneamente per reclamare la poppata va accontentato.

Una domanda di: Stesy
Salve, il mio bimbo ha 6 mrsi e 10 giorni. Allattato esclusivamente al seno,
abbiato iniziato lo svezzamento a 5 mesi a causa del mio rientro a lavoro. Ha
sempre mangiato almeno un paio di volte la notte. Ora però mangia quasi
sempre anche a cena e fa l’ultima poppata verso le 21.00. È corretto
continuare ad attaccarlo un paio di volte la notte (a sua richiesta) o
dovrei toglierle?
Grazie mille.

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
se il piccolo dorme non va svegliato per offrirgli la poppata, ma se di notte cerca il seno non ci sono motivi per negarglielo.
Certo nel tempo le poppate notturne dovrebbero ridursi, per cui non incentivi i risvegli, ma favorisca la continuità del sonno, magari iniziando a vedere se quando si sveglia per farlo riaddormentare può bastare fargli qualche coccola o se il risveglio è davvero per reclamare la poppata, nel qual caso va accontentato. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti