Due genitori di gruppo sanguigno A possono avere un figlio “B”?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 31/05/2022 Aggiornato il 31/05/2022

È assolutamente impossibile che il figlio di due genitori di gruppo snaguigno A nasca di gruppo sanguigno B.

Una domanda di: Arianna
Salve. Vorrei sapere, se è possibile, se da due genitori di gruppo A può nascere un figlio di gruppo B. Se è proprio impossibile o se può esistere qualche raro caso. Inoltre, la determinazione del gruppo sanguigno in un laboratorio privato è una determinazione sicura o è meglio ripeterlo in ospedale? Grazie mille per la risposta.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, da due genitori di gruppo A può nascere un bambino di gruppo A oppure, se entrambi i genitori di gruppo A hanno “alleli recessivi” possono nascere bambini di gruppo 0 (25 per cento di probabilità). Non è possibile invece che nasca un bambino di gruppo B: eccezioni su questo punto non ci possono essere. Per quanto riguarda dove effettuare il test per la determinazione del gruppo sanguigno, qualsiasi laboratorio, pubblico o privato, può eseguirlo in modo attendibile. Nel caso in cui si fosse matematicamente sicuri della paternità, cioè che il padre biologico del bambino sia effettivamente l’uomo con gruppo sanguigno A, bisogna quindi pensare a un errore di trascrizione (può accadere!) e quindi può essere opportuno ripetere l’esame. Se anche dopo un’eventuale seconda volta dal test emergesse che il bambino è di gruppo B, mentre padre e madre sono di gruppo A, non resta che pensare che il papà biologico non sia quello che ha il gruppo A.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Eparina, cardioaspirina, folina prescritte a inizio gravidanza: servono tutte?

06/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è possibile per uno specialista giudicare le scelte terapeutiche di un collega, specialmente nell'eventualità in cui non possa disporre di tutte le informazioni necessarie a inquadrare il caso clinico. Le spiegazioni relative a quanto viene prescritto vanno chieste al proprio curante.   »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti