Due genitori di gruppo sanguigno A possono avere un figlio “B”?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 31/05/2022 Aggiornato il 31/05/2022

È assolutamente impossibile che il figlio di due genitori di gruppo snaguigno A nasca di gruppo sanguigno B.

Una domanda di: Arianna
Salve. Vorrei sapere, se è possibile, se da due genitori di gruppo A può nascere un figlio di gruppo B. Se è proprio impossibile o se può esistere qualche raro caso. Inoltre, la determinazione del gruppo sanguigno in un laboratorio privato è una determinazione sicura o è meglio ripeterlo in ospedale? Grazie mille per la risposta.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, da due genitori di gruppo A può nascere un bambino di gruppo A oppure, se entrambi i genitori di gruppo A hanno “alleli recessivi” possono nascere bambini di gruppo 0 (25 per cento di probabilità). Non è possibile invece che nasca un bambino di gruppo B: eccezioni su questo punto non ci possono essere. Per quanto riguarda dove effettuare il test per la determinazione del gruppo sanguigno, qualsiasi laboratorio, pubblico o privato, può eseguirlo in modo attendibile. Nel caso in cui si fosse matematicamente sicuri della paternità, cioè che il padre biologico del bambino sia effettivamente l’uomo con gruppo sanguigno A, bisogna quindi pensare a un errore di trascrizione (può accadere!) e quindi può essere opportuno ripetere l’esame. Se anche dopo un’eventuale seconda volta dal test emergesse che il bambino è di gruppo B, mentre padre e madre sono di gruppo A, non resta che pensare che il papà biologico non sia quello che ha il gruppo A.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti