Due pillole dimenticate (ma recuperate)

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 03/01/2021 Aggiornato il 03/01/2021

Saltare l'assunzione di due pillole, ma poi porvi rimedio, non espone ad alte probabilità di dare inizio a una gravidanza. Ma neppure le azzera del tutto.

Una domanda di: Franca
Ho un quesito da porle.
Prendo da ormai quasi 5 anni Effiprev.
Dopo una sospensione di 7 giorni lunedì alle 19:00 (come sempre) ho
ricominciato il blister.
Mi sono accorta, nei giorni successivi di aver dimenticato il secondo e il
terzo confetto del blister.
Allora giovedì mattina appena mi sono ricordata ho preso un confetto di
mattina e uno alle 19:00 come di abitudine, per venerdì ho fatto lo stesso
così da recuperare quelle che avevo dimenticato e sabato ho preso il mio
confetto consueto sempre alle 19:00. Successivamente però, la sera di sabato
ho avuto un rapporto non protetto.
Non mi succede mai di dimenticarle, ormai da 5 anni fa parte della mia
routine e per questo che non ho pensato di leggere immediatamente il
bugiardino. A questo punto mi consiglia una contraccezione di emergenza oppure no? Sono molto preoccupata.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, una assunzione prolungata (5 anni) del contraccettivo orale, con una dimenticanza di due giorni, peraltro poi recuperata, non dovrebbe in linea di principio esporre al rischio di concepimento. Ovviamente non è possibile avere la certezza assoluta, si può parlare solo di “alta probabilità di basso rischio”, tuttavia in una simile situazione si può evitare dii assumere altri farmaci, a patto ovviamente di continuare a prendere la pillola con regolarità, senza ulteriori dimenticanze. Per puro scrupolo, può essere opportunoche lei utilizzi il profilattico fino all’inizio del prossimo blister.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti