E’ pericoloso svezzare il bambino 10 giorni prima dei sei mesi di vita?

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 20/01/2021 Aggiornato il 20/01/2021

L'introduzione dei primi alimenti diversi dal latte materno può avvenire tranquillamente anche alcune settimane prima del compimento dei sei mesi di vita senza che questo esponga il bimbo a qualche rischio.

Una domanda di: Valentina
Buongiorno mio figlio ha 5 mesi e mezzo ed è molto interessato al cibo
pertanto dai 5 mesi gli do 5/6 cucchiaini al giorno di frutta
omogeneizzata con il benestare della pediatra.
La pediatra mi ha detto per la pappa vera e propria di iniziare a 6 mesi a
pranzo e dopo un mese la cena. Un’altra pediatra mi ha detto che volendo
posso anche anticipare un po’ dato che il bimbo appare molto interessato al
cibo, quindi partire dai 5 mesi e 20 giorni con il pranzo e già dopo due
settimane con la cena. Io vorrei seguire questa seconda pediatra (era la
pediatra della mia prima figlia che ora è in pensione) anche perché devo
tornare al lavoro e mi farebbe comodo svezzare prima mio figlio. Lui
attualmente ha 5 mesi e mezzo ed è allattato al seno, cresce bene. Secondo
voi posso anticipare di una decina di giorni lo svezzamento o è pericoloso?
Per il glutine so che devo aspettare i 6 mesi. Mi confermate inoltre che dai
6 mesi posso dare tutto? (legumi uova ecc ecc). Grazie.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora,
l’indicazioni di mantenere il latte materno esclusivo fino a sei mesi non discende da motivi di tipo nutritivo, ma dalle raccomandazioni dell’OMS che trovano la principale motivazione nella necessità di prevenire le infezioni specie nei paesi in via di sviluppo (le linee guida dellOMS tengono conto di tutte le realtà del mondo). Il latte materno è in questo insostituibile e fino ai sei mesi anche il nutrimento più completo. Dopo i sei mesi l’alimentazione deve arricchirsi del ferro che il bambino riceverà principalmente dalla carne. Ma da questo può anche comprendere che non sono i dieci giorni prima che possano fare alcuna differenza ed è perfettamente corretto seguire l’attitudine del bambino e anticipare l’introduzione degli alimenti diversi dal latte quando il bambino mostra di essere pronto e “interessato” a quello che mangiano gli altri componenti della famiglia. Condivisibile quindi l’indicazione della suo “vecchia” pediatra. Aggiungo anche che può inserire tutti gli alimenti che crede e certamente anche il frumento (glutine) che è per noi, e sarà anche per lui, la fonte di carboidrati più abituale. Per dirla tutta Le ricordo che nei paesi ricchi, industrializzati, negli ultimi decenni è aumentato di molto il problema delle allergie alimentari e che oggi, per la prevenzione di queste, si consiglia nei soggetti a rischio allergico di anticipare già a partire dai 4 mesi di vita l’introduzione degli alimenti più allergizzanti. Non c’è dunque alcuna ragione scientificamente accettabile che vieti di introdurre il glutine prima dei sei mesi. Detto questo non va dimenticato che allo svezzamento, precoce o tardivo che sia, è importante che, quando possibile, non venga interrotto l’allattamento al seno, perché il latte materno rimane comunque un alimento fondamentale per il bambino almeno per tutto il primo anno di vita.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti