E’ possibile sapere quando è avvenuto il concepimento?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 10/05/2021 Aggiornato il 10/05/2021

Il concepimento avviene sempre e solo il giorno dell'ovulazione, ma quest'ultimo non è detto che cada nella data esatta che si individua facendo conti "a tavolino".

Una domanda di: Manuela
Salve,
vorrei informazioni sulla data del concepimento della mia bambina.
Sono di 27 settimane + 3 e vorrei essere sicura sulla data di concepimento, poiché ho avuto 2 rapporti sessuali con 2 persone diverse e vorrei essere certa del padre senza dover per forza eseguire il test del DNA.
Il primo è stato il 7 novembre, l’altro tra il 10 e il 13 novembre.
La data presunta del parto è tra il 5 e il 7 agosto e l’ultima mestruazione risale al 24 ottobre, con un ciclo che dura tra il 31 e i 36 giorni.
Potrebbe aiutarmi, grazie per l’aiuto.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
purtroppo rispondere con precisione alla sua domanda è davvero impossibile. I rapporti sessuali sono stati troppo ravvicinati e il suo ciclo è troppo irregolare per poter azzardare un’ipotesi. Lei tenga conto che anche con un ciclo molto regolare (per esempio, sempre di 28 giorni) e due rapporti sessuali avvenuti a maggiore distanza di tempo rispetto ai suoi risulta molto difficile stabilire “a tavolino” la paternità e comunque l’ipotesi che viene eventualmente formulata non può essere mai considerata vera in assoluto … Come ragionamento generale posso solo dirle che in un ciclo di 36 giorni, l’ovulazione dovrebbe cadere circa il 18mo giorno del ciclo (che si conta a partire dalla data di inizio dell’ultima mestruazione), quindi nel suo caso (presupponendo i 36 giorni) potrebbe (potrebbe!) essere stata l’11 novembre, quindi il rapporto che avrebbe portato al concepimento potrebbe essere stato sia quello del 7 sia quello del 10 novembre. Ma sono conteggi solo teorici e per nulla attendibili visto che di fatto la durata del suo ciclo è variabile. Non le resta dunque che effettuare l’esame del DNA grazie a cui potrà togliersi ogni dubbio e, quindi, assicurarsi maggiore serenità nei mesi a venire. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti