E’ troppo piccolo il mio bambino?

Dottor Pietro Falco A cura di Dottor Pietro Falco Pubblicato il 03/09/2018 Aggiornato il 03/09/2018

La crescita in altezza è fortemente influenzata dalla genetica: se i genitori sono entrambi di bassa statura non stupisce che abbiano figli con la stessa caratteristica (sarebbe più strano il contrario!).

Una domanda di: Valentina
Salve volevo delle info riguardo mio figlio, penso che sia più piccolo
rispetto alla media. Farà 8 mesi l’11 settembre ed è nato 2.840 grammi, adesso lui
pesa 7.300 grammi ed è alto 67 cm. C’è da premettere che il papà è alto 1.70 ed
io 1.50. Ho paura che mio figlio possa essere troppo basso e magro rispetto
alla media.
Pietro Falco
Pietro Falco

Gentilissima Signora Valentina,
fin quando la crescita staturo-ponderale di un bambino rientra nella norma dal punto di vista dei percentili, che si mantengono costanti dalla nascita, non c’e’ da preoccuparsi in quanto si tratta di un fatto puramente costituzionale. Va tenuto conto infatti che sulla crescita ha grande influenza la genetica che, nel caso del suo bambino (come di molti altri bambini), non fa prevedere una statura particolarmente alta. In sintesi estrema: genitori bassi = figli bassi, almeno nella stragrande maggioranza dei casi.
Tuttavia, se ha dei dubbi, cioè le sembra che la crescita modesta non sia da attribuire alla genetica ma ad altro, chieda al suo pediatra di famiglia se è il caso di sottoporre il bambino a una visita endocrinologica volta a stabilire se ci sono problemi che la ostacolano. Se il collega dovesse escludere una simile possibilità stia tranquilla ma allo stesso tempo dedichi grande attenzione all’alimentazione del suo bambino, che deve essere varia, ben bilanciata, ragionevolmente calorica. Si ricordi che anche il sonno è importante per fare in modo che il bambino cresca secondo il massimo delle sue potenzialità così come la possibilità (quando verrà il momento per farlo) di saltare, correre, giocare (meglio se all’aperto, lontano dal traffico). Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti