Ecografia che non visualizza l’embrione

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 19/11/2020 Aggiornato il 19/11/2020

A volte l'ecografia non individua l'embrione perché viene eseguita troppo precocemente.

Una domanda di: Angela
Salve dottore, l’ultima mestruazione il 28 settembre ,ho fatto le beta e il primo risultato è stato 51545, il secondo 67342. Lei cosa dice? Un po’ sono
salite, ma sono giuste? Perché alla prima ecografia il ginecologo ha detto che si vedeva il sacco ma “scarsi echi embrionali”. Lei cosa dice? Aspetto una sua
risposta. Grazie.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora, ora siamo a sette settimane e due giorni dall’ultima mestruazione. Le beta-hCG salgono normalmente.
Non è esplicitata la data della prima ecografia (forse troppo precoce?), ma una ecografia in questi giorni dovrebbe evidenziare sia l’embrione sia il battito. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti