Sta evolvendo questa gravidanza?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 11/12/2020 Aggiornato il 11/12/2020

Se c'è il dubbio che la gravidanza non sia in evoluzione come dovrebbe è opportuno effettuare controlli ecografici ravvicinati.

Una domanda di: Paola
Buonasera Dottoressa,
le scrivo perche ho avuto l’ultima mestruazione il 14 ottobre. Il test di gravidanza positivo oggi prima visita con ecografia…purtroppo si è vista solo la
camera gestazionale, nessuna traccia di sacco vitellino ed embrione. So per certo di aver concepito il 31 ottobre, l’ovulazione – dice la mia dottoressa –
dovrebbe essere stata tra il 30 ottobre ed il 2 novembre (da ecografia il 27 avevo due follicoli uno di 18 e uno di 23). La mia dottoressa dice che,
avendo ovulato tardi, sarei all’incirca all’inizio della quinta settimana e perciò non esclude che la gravidanza possa procedere bene. Mi ha dato ovuli di
progesterone, poiché ho subito un precedente aborto. Ho la prossima visita il 17 dicembre. Vorrei una sua opinione in merito. Mi sto solo illudendo? Grazie
mille, se vorrà rispondermi. Dimenticavo: le dimensioni del sacco sono di 9 x 7 mm.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, dalle informazioni che mi ha dato deduco che c’è qualcosa che non quadra…
Se lei ha ovulato a fine ottobre (come in effetti sembrava plausibile dal monitoraggio ecografico dei follicoli), alla prima ecografia effettuata in data 1 dicembre avrebbe dovuto essere già almeno di 6 settimane e quindi essere visibile l’embrione.
Mi pare ci sia un ritardo nello sviluppo di questo “fagiolino” che la fa risultare di 5 settimane ecografiche (come anche le dimensioni del sacco portano a credere).
Dal mio punto di vista, non discuto sull’utilità del progesterone vista la sua storia pregressa ma mi sentirei di suggerire un controllo ecografico anche più ravvicinato del 17 dicembre, in modo da avere la conferma che la gravidanza sia in evoluzione in tempi più brevi.
Potrebbe effettuare questo controllo già una settimana prima ossia il 10 di dicembre.
Credo importante aggiungere che una cosa è il rapporto sessuale, un’altra il concepimento.
Intendo dire che i due eventi possono essere anche in giorni differenti: non è detto che siccome il rapporto è stato il tal giorno, allora anche il concepimento si è verificato in quella occasione. Dipende da quando avviene l’ovulazione. Noi sappiamo che l’ovulo è fecondabile per 12-24 ore dopo essere stato espulso dall’ovaio, ma bisogna anche tener presente che gli spermatozoi, se siamo nel periodo fertile, possono sopravvivere nell’apparato genitale femminile fino a 7 giorni. Per questo noi ginecologi ci basiamo più volentieri sull’inizio dell’ultima mestruazione…è di fatto la data più affidabile e in base a quella ci aspettiamo che il concepimento avvenga circa 14 giorno dopo (ma dato che ci possono essere variazioni significative nella data effettiva dell’ovulazione, l’ecografia pelvica risulta utile per correggere la settimana gestazionale se l’embrione risulta più grande o più piccolo dell’atteso).
Non so se sono riuscita a spiegarmi bene, resto a sua disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti, cordialmente

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti