Ecografia: perché si vedono solo la camera gestazionale e il sacco vitellino?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 26/05/2022 Aggiornato il 26/05/2022

Visualizzare, grazie all'ecografia, il sacco vitellino è un'ottimo segno: questa struttura appartiene, infatti, all'embrione che,è probabile, potrà essere osservato successivamente.

Una domanda di: Gilda
Ho effettuato la mia prima ecografia stasera in pronto soccorso poiché dopo aver fatto pipì ho notato nel pulirmi delle macchie rosa con dei filamenti
rossi. Da premettere che ho effettuato le beta e il valore era 3135,80 al 20 maggio, la mia ultima mestruazione é il 4 aprile, ma non ho mai avuto un
ciclo regolare, sempre con ritardo tra i 2 e i 5 giorni. Nella diagnosi è stato scritto che si vede camera gestazione di 7mm e sacco vitellino ma non
si vede l’embrione per precocità della visita ecografica. Cosa può essere? Perché la parte preoccupante della diagnosi e delle parole colte dal
discorso della dottoressa, è che la gravidanza è da definirsi nella prossima visita..devo preoccuparmi? Perché adesso attendere il 31 maggio non é una
cosa semplicissima.
 
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve Gilda, niente paura!
Se lei era abituata ad avere cicli lunghi con un ritardo tra i 2 e i 5 giorni possiamo presumere che anche questa volta sia accaduto quello che era solita riscontrare. Non tutte le donne infatti hanno cicli di 28 giorni con l’ovulazione inesorabilmente al 14° giorno!
A volte l’ovulazione nemmeno si verifica ma non ce ne accorgiamo perché la mestruazione arriva ugualmente.
Nel suo caso in teoria oggi dovrebbe essere già alla settima settimana di gestazione (so che sembra tanto, ma noi ginecologi facciamo iniziare la gravidanza dal primo giorno dell’ultima mestruazione, quindi almeno due settimane prima che esista l’embrione!) ma se ancora non si riesce a visualizzare l’embrione mi aspetto che sia invece di 5 settimane.
Un’ottima notizia è che, oltre alla camera gestazionale all’interno dell’utero, si sia visualizzato il sacco vitellino in quanto appartiene all’embrione e quindi ci aspettiamo di riuscire a distinguerlo bene alla prossima ecografia.
Magari la prossima volta si riuscirà anche a visualizzare il battito cardiaco, così da essere certi del fatto che la gravidanza sta proseguendo a gonfie vele.
Vedrà che anche se le sembra che il 31 maggio non arrivi mai, in realtà è dietro l’angolo e nel frattempo può cercare di ascoltare i segnali che il corpo ci manda e ci testimoniano dell’azione degli ormoni gravidici.
Sono tutti segnali buoni e positivi di gravidanza evolutiva questi “sintomi”: mancanza del ciclo mestruale, senso di tensione al seno, bisogno di dormire o stanchezza maggiore del solito, intestino che si impigrisce con tendenza al meteorismo (la pancia si gonfia soprattutto verso sera), bisogno di urinare più spesso del solito (anche di notte), fastidio ad alcuni odori (ad esempio il fumo di sigaretta e/o il caffè), repulsione verso alcuni cibi (ad esempio la carne e/o il pesce) fino alla nausea (specialmente presente al mattino al risveglio), umore fragile con facilità al pianto…
Spero di averla aiutata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Eparina, cardioaspirina, folina prescritte a inizio gravidanza: servono tutte?

06/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è possibile per uno specialista giudicare le scelte terapeutiche di un collega, specialmente nell'eventualità in cui non possa disporre di tutte le informazioni necessarie a inquadrare il caso clinico. Le spiegazioni relative a quanto viene prescritto vanno chieste al proprio curante.   »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti