EllaOne: ci sono rischi ad assumerla in allattamento?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 01/06/2022 Aggiornato il 01/06/2022

L'assunzione della pillola dei cinque giorni dopo (principio attivo ulipristal) non espone a particolari rischi un bimbo di nove mesi che viene allattato al seno non esclusivamente.

Una domanda di: Lidia
Salve ho preso EllaOne mercoledì sera alle 19,00 e ho smesso di allattare il mio piccolo di nove mesi che nonostante lo svezzamento continua le sue poppate durante la notte e la mattina. Ho ripreso presa dalla stanchezza ad allattarlo oggi sabato notte, sono passate più di 48 ore dall’ assunzione del farmaco. Cosa può comportare!? Grazie.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Lidia, l’ulipristal (principio attivo contenuto in EllaOne) passa nel latte materno in basse quantità. Considerando l’età del lattante la dose eventualmente assunta attraverso il latte è pressoché trascurabile. A maggior ragione se sono trascorse più di 48 ore dall’assunzione del farmaco. Non ci sono quindi motivi per ritenere che nel suo caso l’allattamento comporti rischi di effetti indesiderati per il bambino. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tintura dei capelli: fa male in gravidanza?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non esistono più in commercio prodotti per tingere i capelli dannosi in gravidanza, quindi si possono usare tranquillamente. E quetso vale anche in allattamento.   »

Gemelli: è possibile averli solo se c’è familiarità?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

La gravidanza gemellare non è affatto legata alla familiarità, ma è un evento occasionale che può riguardare qualsiasi donna,   »

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Fai la tua domanda agli specialisti