EllaOne: è vero o no che è antinidatoria?

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 19/02/2021 Aggiornato il 19/02/2021

La pillola dei cinque giorni dopo inibisce l'endometrio quindi anche se si concepisce l'annidamento non può avvenire.

Una domanda di: Stefano
Il mio quesito riguarda l’efficacia del farmaco EllaOne, altresì
conosciuto come pillola dei cinque giorni dopo. Nel caso specifico la mia
compagna l’ha assunta esattamente 116 ore dopo il rapporto non protetto.
Leggo che, secondo molti, l’azione del farmaco potrebbe essere abortiva
oltre che antiovulatoria. A Suo modo di vedere l’efficacia del farmaco si
sarebbe mantenuta anche avendola assunta in extremis ? E, in tal caso,
avrebbe impedito il corretto annidamento?

Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signor Stefano,
mi mancano dati su quando sia avvenuto il rapporto in relazione ai giorni fertili.
In ogni caso, il farmaco inibisce l’endometrio in qualunque momento del ciclo venga assunto.
Se avesse concepito, per il concepito non ci sarebbero state possibilità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti