EllaOne: si può prendere in allattamento?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 17/11/2021 Aggiornato il 17/11/2021

L'Aifa sconsiglia di allattare per i sette giorni successivi all'assunzione del contraccettivo di emergenza.

Una domanda di: Francesca
Sto allattando solo a colazione un bimbo di 11 mesi. Sarebbe possibile assumere Ellaone e continuare l’allattamento, considerando che tutti gli altri pasti sarebbero normali?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, secondo quanto riportato nel sito dell’Agenzia italiana del farmaco (AIFA) nei sette giorni successi all’assunzione di EllaOne non si deve allattare. Il latte va tirato con il tiralatte per assicurarsi che contui a essere prodotto, ma poi va gettato. Ci sono specialisti che però ritengono possibile sospendere l’allattamento solo per 24 ore. Così stanno le cose, la decisione spetta a lei. Le consiglio comunque di pensare a una contraccezione sicura, che non la metta nelle consdizioni di dover ricorrere spesso alla “pillola dei 5 giorni dopo” che è un contraccettivo di emergenza, da usare davvero solo occasionalmente. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti