Embrione che l’ecografia non rileva al termine della sesta settimana

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 04/10/2021 Aggiornato il 04/10/2021

Verso la metà del secondo mese di gravidanza l'ecografia dovrebbe visualizzare l'embrione. Se non succede conviene ripetere il cotnrollo dopo una settimana.

Una domanda di: Gabriella
Ho avuto l’ultima mestruazione il 16 Agosto 2021, sono a 6 settimane + 5 giorni. La camera gestazionale intrauterina mm 12×8×15 e c’è il sacco
vitellino, ma l’embrione non c’è: che succede ?

Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora,
potrebbe davvero non esserci l’embrione, cioè il suo sviluppo potrebbe essersi arrestato a differenza di quello della altre componenti che infatti l’ecografia ha individuato.
Però credo sarebbe bene eseguire un ulteriore controllo ecografico fra una settimana per essere certi della sua assenza. l’eventuale mancata evoluzione della gravidanza, generalmente è legata a problemi intrinseci dell’embrione per i quali non c’è rimedio. Sono certo comunque che il collega che ha eseguito l’ecografia le abbia fissato un altro controllo e che anche le abbia detto in che modo giudica il fatto che l’embrione in quest’epoca della gravidanza non si veda (per esempio, concepimento avvenuto più avanti rispetto al presunto in base alla data dell’ultima mestruazione). Mi tenga aggiornato, se lo desidera. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti