Embrione con bradicardia: c’è da preoccuparsi?

Dottoressa Patrizia Mattei A cura di Dottoressa Patrizia Mattei Pubblicato il 21/09/2021 Aggiornato il 21/09/2021

A volte il battito del cuoricino dell'embrione è più lento dell'atteso solo perché il concepimeto è avvenuto più avanti rispetto alla data presunta.

Una domanda di: Giulia
Buongiorno dottoressa sono in gravidanza (7+3). Tutto sembra procedere, non ho perdite né crampi.
Oggi alla prima visita ostetrica, durante la quale anche se non fa bene al bambino il medico ha voluto lo stesso misurare il battito per pochi secondi, è stata riscontrata una bradicardia. Valore 114 bpm e camera gestazionale ridotta, e quindi tra 10 giorni devo ripetere l’ecografia.
Una domanda: quale dovrebbe essere il giusto valore di battito in questa fase e cosa può comportare la mia condizione.
Grazie.
Patrizia Mattei
Patrizia Mattei

Buongiorno signora, la frequenza cardiaca embrionale a 7 settimane dovrebbe essere di circa 120 battiti al minuto, a 6 settimane di circa 100 battiti al minuto. Nel suo caso, essendo la camera gestazione ridotta, potrebbe trattarsi di una gravidanza normale iniziata qualche giorno dopo la data ipotetica che si presume valutando la lunghezza del ciclo mestruale (periodo di tempo che intercorre tra l’inizio di una mestruazione e l’inizio di quella successiva). Sicuramente una ulteriore ecografia, a distanza di qualche giorno, chiarirà la situazione. Il significato peggiore che può avere una bradicardia (ma si parla di meno di 90 battiti al minuto) è che può essere il segno di una gravidanza patologica che potrebbe andare incontro ad un aborto. Se non ha perdite o crampi, come mi dice, per il momento io sarei ottimista. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e uso di crack: ci sono pericoli?

18/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza, l'impiego del crack, stupefacente ricavato dalla cocaina, espone sia la futura mamma sia il feto a una serie di rischi. Per combattere ansia e stress è dunque inopportuno usarlo, ma ricorrere a preparati che non siano pericolosi.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti