Embrione più piccolo dell’atteso dopo la procreazione medicalmente assistita (PMA)

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 03/06/2024 Aggiornato il 03/06/2024

Una dimensione dell'embrione di due settimane inferiore rispetto all'atteso non rappresenta un buon segno, tuttavia fino a quando sussiste l'attività cardiaca c'è margine per sperare che la gravidanza prosegua.

Una domanda di: Loana
Buongiorno dottoresa vorrei farle una domanda…Io ho fatto il pick-up 18/04/24 ,il transfer 23/04/24 . Mi hanno trasferito una blastociste in quinta giornata. La settimana scorsa 23/05 a 6+6 ho fatto una ecografia e nel referto c’èscritto “echi embrionali con CRL di 0.3 mm come 6+0”. Mi hanno detto di tornare dopo una settimana, però le cose non stanno andando bene. Il 29 maggio rifaccio l’ecografia ed emerge “polo embrionale con crl 4.4 mm e attività cardiaca”. La misura della camera non c’è scritta. Visto che ho fatto un transfer, le date sono precise e l’embrione è troppo piccolo. Secondo lei posso avere una speranza? Mi hanno detto che il 23 maggio l’embrione misurava 0.3 mm e sei giorni dopo misura 4.4 mm, quindi è cresciuto bene. Io ho già avuto due aborti spontani e non ho mai visto l’embrione. Grazie mille.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, in effetti questo piccolo fagiolino oggi dovrebbe essere di 8 settimane e anche se lo ha visto in ecografia con il cuore sfarfallante temo non sia un buon segnale questa discrepanza rispetto all’atteso. Però aspetterei a darmi per vinta, sa? Anche se il concepimento è avvenuto in data certissima, sarei propensa a credere che ci possano essere delle sorprese anche qui come in tanti ambiti del nostro mestiere (ho imparato a non fidarmi dei termini “sempre” e “mai”…per prudenza è sempre meglio essere possibilisti, altrimenti è molto facile essere smentiti sia nel bene che nel male). Magari mi dirà che la sto illudendo, ma, creda, l’ultima cosa che desidero è darle un dispiacere ulteriore, glielo assicuro. Ma credo sia saggio attenersi al detto “finché c’è vita, c’è speranza” e quel cuoricino che batte sono certa che se lo ricorderà per tutta la vita. Mi tenga aggiornata se desidera, l’abbraccio a distanza…non perda mai la speranza! Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti