Embrione senza battito: c’è comunque speranza?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 06/02/2021 Aggiornato il 06/02/2021

Se dopo la sesta settimana, l'ecografia non riesce a individuare il battito dell'embrione, ma solo l'embrione, è verosimile che la gravidanza non stia procedendo.

Una domanda di: Barbara
Ho avuto l’ultimo ciclo il 17 dicembre, ovulazione avvenuta 28/29 dicembre.
Test positivo 12 gennaio, 14 gennaio beta a 360, 21 gennaio beta 12.000. Il 4 febbraio ho effettuato la prima ecografia durante la quale è stato rilevato l’embrione di 3.4 mm con assenza di battito, la camera gestazionale di dimensioni ottime.
Non ho speranze vero? Sono disperata. Possibile sia avvenuto un impianto in ritardo?
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora,
temo purtroppo che le tempistiche indicate non lascino spazio a illusioni. Non si abbatta, una gravidanza su cinque finisce così, è nella natura della nostra specie. Se quel “96” che compare nel suo indirizzo email indica il suo anno di nascita avrà tantissime altre possibilità. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti