Commesse e bisfenolo A

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 12/12/2017 Aggiornato il 31/07/2018

Il bisfenolo A non può rivelarsi dannoso perché veicolato attraverso il contatto "pelle a pelle".

Una domanda di: Valentina
Riguardo al bisfenolo A è una sostanza che può passare da pelle a pelle?
Spesso capita che le cassiere dei negozi di giocattoli tocchino il mio
bambino. È una sostanza pericolosa anche per via inalatoria?
Gianni Bona
Gianni Bona

Cara signora,
il bisfenolo A non è una sostanza volatile, né un veleno, né può avere un effetto tossico per contatto, men che mai eventualmente veicolato dai polpastrelli. E’ contenuto negli inchiostri negli scontrini, quindi è realmente impossibile che le commesse dei negozi di giocattoli ne abbiano sulle mani in quantità così massicce da poter contaminare in qualche modo il suo bambino semplicemente sfiorandolo. Perché penso che il contatto tra le commesse dei negozi di giocattoli e i piccoli clienti non sia mai molto prolungato, né tantomeno “pelle a pelle”. Anche se lo fosse (cosa veramente difficile da immaginare) non accadrebbe comunque nulla. In generale, i dubbi sollevati anni fa riguardo il bisfenolo A riguardavano la sua sicurezza nei cibi, dovuta al contatto tra contenitori di plastica che ne contenevano. In realtà, attualmente si ritiene che la quantità in cui è eventualmente presente negli alimenti, determinata dalla conservazione in alcuni contenitori in plastica, non esponga a rischi particolari. Comunque sia l’ipotetica pericolosità riguarda l’ingestione non il contatto con la pelle.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Un figlio con il diabete insulino-dipendente: si può?

21/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si voglia affrontare una gravidanza dopo i 40 anni e con il diabete, è opportuno farsi seguire da un centro specializzato.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti