Obesità infantile: il pene può rimanere piccolo?

Dottor Mario Mancini A cura di Dottor Mario Mancini Pubblicato il 26/10/2017 Aggiornato il 31/07/2018

L'obesità infantile può avere come conseguenza un ritardo puberale che si ripercuote automaticamente sulle dimensioni del pene. Così il bambino può sviluppare un senso di inferiorità rispetto ai coetanei.

Una domanda di: Mamma di Federico
Caro dottore,
è vero che un bambino fortemente obeso potrebbe avere problemi nello sviluppo dei genitali? Cioè c’è una relazione tra un pene piccolo e il sovrappeso? Ho un figlio di otto anni che pesa davvero molto e una mia cara amica mi ha fatto balenare questa possibilità. Mi devo preoccupare?

Mario Mancini
Mario Mancini

Cara mamma,
nel bambino obeso, proprio per via della conformazione fisica, il pene rimane nascosto e questo può creare grossi problemi di autostima. Spesso inoltre l’obesità in età infantile ha come conseguenza un ritardo puberale che comporta un mancato sviluppo del pene che dunque presenta dimensioni inferiori a quelle del pene dei coetanei. Pertanto è utilissimo (e non solo per la questione dei genitali) che il bambino cali di peso il prima possibile e di sicuro prima dei 10 anni, che sono l’età dopo la quale inizia mediamente la crescita puberale. Non può comunque affidarsi al fai-da-te: le consiglio di valutare con il suo pediatra l’opportunità di consultare un endocrinologo (eventualmente rivolgendosi a un centro in cui si occupano di obesità in età infantile) per comprendere la serietà dello stato metabolico e pianificare di conseguenza un piano nutrizionale che da un lato favorisca il dimagrimento del suo bambino dall’altro gli insegni a mangiare in modo più corretto. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti