Endodien: quando assumerlo in caso di endometriosi?

A cura di Dottoressa Cristina Maggioni Pubblicato il 29/12/2023 Aggiornato il 29/12/2023

Il farmaco contro l'endometriosi a base di progestinico va preso ogni giorno senza interruzioni, per un arco di tempo che spetta al ginecologo curante indicare.

Una domanda di: Alessandra
Salve ho l’endometriosi e mi è stato consigliato di prendere Endodien. Si può assumere anche quando non è il periodo del ciclo?
Cristina Maggioni
Cristina Maggioni

Cara signora,
Endodien va preso ogni giorno, tutti i giorni del ciclo (compresi i giorni delle mestruazioni), e quando finisce una confezione se ne deve iniziare un’altra senza interruzione. Spetta comunque al medico indicare per quanto mesi di seguito assumerlo, anche in base ai suoi effetti. Le ricordo che Endodien contiene un ormone, il progestinico dienogest, e non offre una sicurezza contraccettiva Se vuole evitare una gravidanza, deve utilizzare il preservativo o altre precauzioni contraccettive non ormonali. Approfitto della sua domanda per dirle che l’endometriosi è una malattia curabile. Purtroppo molto comune, è caratterizzata dalla presenza di cellule dell’endometrio (tessuto di rivestimento interno dell’utero) in altri organi, in particolare tube, ovaie, intestino. Possiamo dire che sono cellule normali che vanno a collocarsi “fuori sede”, nel posto sbagliato. Il sintomo più vistoso dell’endometriosi è il dolore violento durante le mestruazioni, che però a volte compare anche al momento dell’ovulazione o, nei casi peggiori, durante i rapporti sessuali. Come se questo non bastasse, l’endometriosi può comportare infertilità o, comunque, rendere più difficile avviare una gravidanza. La mia grande scoperta sta nel fatto che tutti i sintomi dell’endometriosi compaiono nel momento in cui le cellule endometriali vengono coinvolte da un’infiammazione, di qualunque origine sia, quindi batterica, virale o da agenti tossici. La mia intuizione è nata dal fatto che si è scoperto e dimostrato che ci sono donne con endometriosi che non hanno dolore e hanno avuto gravidanze senza difficoltà. In loro le cellule endometriali, pur presenti e identificate istologicamente, non sono andate incontro a un’infiammazione ed è dunque per questo che la loro presenza non comporta né sintomi dolorosi né infertilità. Dunque, solo eliminando l’origine dell’infiammazione diventa possibile azzerare i sintomi dell’endometriosi, che secondo i dati del ministero della Salute in Italia si riscontra in circa il 30-50% delle donne infertili o che hanno difficoltà a concepire. Sempre in Italia, si stima che almeno 3 milioni di donne in Italia abbiano una diagnosi conclamata di endometriosi e che il problema riguardi il 10-15% delle donne in età riproduttiva. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti