Endometriosi adenomiosi e aborti ricorrenti

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 20/06/2024 Aggiornato il 20/06/2024

Non è escluso che sia possibile avviare e portare a termine una gravidanza anche in caso di adenomiosi (presenza di endometrio nella parete muscolare dell'utero) associata a endometriosi (presneza della mucosa che riveste internamente l'utero al di fuori della sua sede naturale).

Una domanda di: Chiara
Dopo tre aborti spontanei tutti entro l’ottava settimana ho iniziato il lungo iter di esami per indagare eventuali cause.
L’ecografia intravaginale 3D ha rilevato la presenza di endometriosi superficiale e forse, un po’ di adenomiosi.
Alla luce di ciò ho fatto una laparoscopia ginecologica+isteroscopia dove hanno rimosso l’endometriosi superficiale peritoneale e pararettale. Il
medico che ha fatto l’intervento peró non ha menzionato nulla su eventuale presenza di adenomiosi.
Adesso ho iniziato una cura antinfiammatoria (integratori+deltacortene 10mg) per curare l’infiammazione causata dall’endometriosi. E con questa cura mi è
stato suggerito di riprovare. Inutile dirlo, sono terrorizzata dal pensiero che possa esserci un’altra endometriosi profonda, o che ci possa essere adenomiosi, o che possa andare male ancora.
Di contro, penso che abbiamo fatto tutto il dovuto, secondo la mia ginecologa siamo andati oltre le linee guida con alcuni esami, e ho fatto
pure un intervento che tra l’altro non ha evidenziato altri problemi. Mi spiace per il poema, lei cosa ne pensa? Grazie mille.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora,
non si dispiaccia per il poema: ha sintetizzato molto bene la sua storia dal punto di vista medico e psicologico.
Io mi trovo concorde con la sua Curante: ha fatto quello che serviva per indagare meglio la storia di poliabortività (sintetizzo così, ma immagino il dolore che possa averle causato andare incontro per tre volte ad un’esperienza simile) utilizzando anche accertamenti al di là delle linee guida.
Il risultato è che ora lei sa di avere l’adenomiosi e teme che questo possa compromettere la ricerca della prossima gravidanza.
A mio parere la presenza di adenomiosi è per così dire il minore dei mali, in quanto solitamente non interferisce con la fertilità e non dovrebbe nemmeno procurarle particolari dolori pelvici durante il ciclo mestruale.
Dato che soffre di endometriosi, prima riesce a concepire meglio è, dato che senza le mestruazioni (come di solito accade in gravidanza e allattamento) è più difficile che la malattia progredisca.
Ci auguriamo che, complice il periodo estivo più disteso e la cura con integratori e deltacortene, lei possa presto avere l’ebbrezza non solo del test di gravidanza positivo ma anche di poter portare a termine l’avventura della gravidanza…ve lo auguro di cuore!
Le ricordo l’assunzione di acido folico per almeno il primo trimestre di gravidanza, se possibile lontano da the e latticini, 1 compressa/die da 400 microgrammi salvo diversa indicazione del Curante
Rimango a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti