Endometriosi e stop alla cura senza confrontarsi con il medico

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 22/09/2021 Aggiornato il 27/02/2023

L'endometriosi, specialmente quando si manifesta con sintomi importanti, deve necessariamente essere curata. E' possibile che la terapia prescritta provochi effetti indesiderati: spesso si tratta di un problema temporaneo che in nessun caso deve suggerire di sospendere il trattamento di propria iniziativa.

Una domanda di: Daniela
Soffro di endometriosi e due settimane fa mi è stato prescritto l’anello anticoncezionale. L’ho inserito il primo giorno di ciclo e i dolori (di cui prima soffrivo sono passati del tutto), sono trascorsi però 9 giorni e ho sviluppato: nausea, mal di testa, perdite di sangue, sonnolenza, spossatezza e tristezza. Così ho deciso di sospenderlo, dopo un giorno il mio umore è migliorato, non ho più mal di testa né nausea. Purtroppo continuo ad avere perdite di sangue anche consistenti (sono trascorse 48 ore da quando l’ho sospeso) e non capisco se si tratti di ciclo o di spotting, queste perdite stanno diventando estenuanti (visto che continuo ad averle sia con che senza anello da 12 giorni). Volevo sapere se il ciclo mi arriverà normalmente o adesso che ho tolto l’anello, e cosa potrei fare per queste perdite.
Grazie.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, l’endometriosi è una malattia caratterizzata dalla presenza di tessuto endometriale ectopico con quadri clinici che possono variare notevolmente a seconda della singola o multipla e diffusa localizzazione che può convolgere parti di organi interni .
Questo tessuto si comporta esattamente come si comporta la mucosa
endometriale all’interno della cavita uterina e pertanto ogni qualvolta la mucosa uterina sanguina in risposta alla sollecitazione ormonale ovarica, sanguina anche essa. Ovviamente il sanguinamento uterino trova fisiologica uscita dal canale vaginale mentre con tessuto ectopico non avendo accesso al canale vaginale il sangue e i detriti rimangono intrappolati nei visceri, determinando in queste sedi una infiammazione acuta e cronica. Di solito le strutture coinvolte sono ovaio, tube, intestino, vescica, ureteri e plessi profondi. La conseguenza è la comparsa di aderenze, dolori e deficit di funzionalità degli organi coinvolti.
Le terapia possono essere farmacologiche e chirurgiche a giudizio dello specialista in base al quadro clinico e alla storia della signora.
Quando si inizia una terapia, come nel suo caso, si deve darle il tempo di agire e stabilizzare la situazione. Tutti i farmaci possono inizialmente avere effetti indesiderati come quelli che lei mi ha riferito. Suggerisco tuttavia di interagire con il suo specialista di fiducia o con un centro di diagnosi e cura dell’endometriosi prima di sospendere una terapia di sua iniziativa, per evitare che la situazione possa evolvere a suo svantaggio.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti