Endometrite cronica: potrò rimanere incinta?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 20/02/2019 Aggiornato il 20/02/2019

In caso di endometrite cronica non si può escludere del tutto che una gravidanza possa iniziare.

Una domanda di: Emy
Buongiorno dottoressa ci sentiamo già così presto purtroppo l’esito della biopsia dà ancora endometrite cronica. Nonostante la cura di 30 giorni io non so davvero più che cosa pensare… Sono giù di morale… A pezzi… Non capisco…

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Gentile Emy,
mi spiace se l’ho fatta attendere per risponderle ma prima non mi è stato veramente impossibile.
In effetti gli studi scientifici confermano come lo stato di endometrite cronica sia da una parte strettamente correlato alla possibilità di aborto precoce, dall’altra alla persistenza del quadro nonostante terapia antibiotica con Doxiciclina e Metronidazolo (come mi pare di ricordare anche nel suo caso).
Tuttavia va detto che, al di là dell’esito della biopsia endometriale, ha molto valore predittivo prognostico l’aspetto della mucosa endometriale all’isteroscopia.
Anche nel suo caso, in cui l’esito istologico ci dà ancora lo stesso responso di endometrite cronica, non è detto che non si possa instaurare una gravidanza che questa volta, anche proprio grazie al trattamento antibiotico, riuscirà invece a proseguire.
Sembra addirittura che il piccolo traumatismo endometriale legato alla procedura dell’isteroscopia possa in qualche modo facilitare l’impianto dell’embrione.
Infine, è possibile anche ipotizzare che il quadro di endometrite cronica sia espressione di uno stato infiammatorio residuo e non la persistenza di una infezione resistente agli antibiotici utilizzati.
Non mi ha detto se i colleghi ginecologi si siano sbilanciati rispetto a come procedere di fronte a questo esito della biopsia endometriale…immagino le abbiano dato delle indicazioni, dico bene?
Spero di averla un poco rincuorata…altrimenti a risentirci!

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti