Enterococco fecalis rilevato nel tampone rettale: è pericoloso per il bambino?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 17/09/2021 Aggiornato il 17/09/2021

Ci sono batteri normalmente presenti nell'intestino umano: l'enterococco fecalis è uno di questi.

Una domanda di: Jenny
Sono alla prima gravidanza, precisamente a 22+6. Siccome ho delle perdite vaginali bianco giallastre, inodori ma saltuariamente avverto un po’ di bruciore alle piccole labbra ho preferito fare un tampone cervico vaginale e rettale. Dal primo l’esito è stato negativo, dal rettale è venuto fuori Enterococco fecalis. Preciso che non avverto nessun problema anale e intestinale. È dannoso per il bimbo? E per la gravidanza in sé? È necessario curarlo con antibiotici (allego antibiogramma) o basta una corretta alimentazione e fermenti? Vorrei evitare antibiotici perché mi causano candida vaginale. Può contagiare la vagina (seguo una scrupolosa igiene intima quotidiana)?
Grazie per l’attenzione.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, l’enterococco fecale è un normale batterio intestinale che va trattato solo se lo si trova da altre parti, ad esempio in vagina (ma il suo tampone vaginale è negativo) oppure nelle urine. E’ normale che venga rilevato nel tampone rettale che mi chiedo se sia stata lei ad auto-prescriversi e se è così per quale ragione.
Quindi nessun trattamento e continui con una corretta igiene intima (lavaggio conducendo il movimento dall’ano in avanti e mai viceversa e uso di detergenti specifici).
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti