Eparina per tutta la gravidanza: l’ematologo dice no, il ginecologo dice sì, chi ha ragione?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 11/03/2024 Aggiornato il 11/03/2024

Piccole dosi di cardioaspirina sono più che sufficienti a garantire un felice decorso della gravidanza in caso di mutazioni che, di fatto, non aumentano il rischio di trombi.

Una domanda di: Rosa
Gentile Dr. Semprini, Le chiedo gentilmente un parere in merito a una questione sulla quale, non ho ben compreso le motivazioni, i medici non sono d’accordo. Sono in attesa di 15 settimane in seguito a FIVET e da protocollo ho fatto terapia con cardiospirina ed eparina. Dopo le 14 settimane, quando la terapia viene interrotta, il ginecologo ha ritenuto che per le mutazioni MTHFR c677t in eterozigote, a66g in omozigote e PAI 5g>4g di farmi continuare con entrambe per tutta la gravidanza. L’ematologo ritiene invece che basti la cardioaspirina a proteggermi poiché tali mutazioni non sono significative per trombofilia. Chiedo pertanto un suo parere.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Rosa, sono felice della sua lettera perché permette di chiarire che la natura ha creato un sangue che tende spontaneamente a coagularsi per proteggerci dal rischio emorragico, che un tempo senza cure mediche poteva essere mortale. Per mantenere un sangue fluido la natura ha creato numerosi sistemi di regolazione per evitare che in carenza di uno di questi la persona sia esposta ad un rischio trombotico. Quindi tutti portiamo delle mutazioni di alcuni sistemi anticoagulanti senza che questo comporti alcun rischio di coagulazione intravascolare. Quindi il mio parere è in linea con quello dell’ematologo che, con la sua piena competenza sul tema della coagulazione del sangue, sa che piccole dosi di cardioaspirina sono più che sufficienti a garantire un felice decorso gravidico. Spero di averle spiegato in modo chiaro il perché di questa mia opinione e sono felice che interrompe una terapia che ha parecchi effetti collaterali e deve essere utilizzata solo in ben pochi casi (diversi dal suo). Un saluto cordiale e un augurio di una bella gravidanza.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti