Esame istologico dopo un aborto spontaneo

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 10/12/2020 Aggiornato il 10/12/2020

Dopo un'interruzione spontanea della gravidanza è prassi analizzare il materiale abortivo.

Una domanda di: Lucy
Salve ho avuto un aborto interno il 17 ottobre, finalmente dopo un mese è arrivato l’esito dell’esame istologico e nella diagnosi c’è scritto: materiale deciduo-coriale con infiltrati flogistici e focolai di necrosi, villi coriali edematosi ed idropici, occasionali depositi di materiale fibrinoide intevillare e focolai immagini di iperplasia polare del trofoblasto.
Vorrei capire cosa significa.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora,
quanto da lei riportato definisce la presenza di materiale post abortivo.
L’esecuzione dell’esame istologico è prassi consolidata per verificare che non siano presenti altre situazioni come alterazioni delle membrane della gravidanza che talvolta si possono presentare e che definiscono la mola vescicolare.
Suggerisco quindi di effettuare il dosaggio delle beta-hCG su sangue a
distanza di circa tre settimane dall’intervento per meglio definire la
situazione in quanto raramente la
degenerazione idropica dei villi potrebbe sottintendere proprio una situazione di questo tipo. Assocerei anche una ecografia trans vaginale che farà vedere al suo specialista di fiducia per definire la necessita di ulteriori approfondimenti o terapie.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti