Esame istologico dopo un aborto spontaneo

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 10/12/2020 Aggiornato il 10/12/2020

Dopo un'interruzione spontanea della gravidanza è prassi analizzare il materiale abortivo.

Una domanda di: Lucy
Salve ho avuto un aborto interno il 17 ottobre, finalmente dopo un mese è arrivato l’esito dell’esame istologico e nella diagnosi c’è scritto: materiale deciduo-coriale con infiltrati flogistici e focolai di necrosi, villi coriali edematosi ed idropici, occasionali depositi di materiale fibrinoide intevillare e focolai immagini di iperplasia polare del trofoblasto.
Vorrei capire cosa significa.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora,
quanto da lei riportato definisce la presenza di materiale post abortivo.
L’esecuzione dell’esame istologico è prassi consolidata per verificare che non siano presenti altre situazioni come alterazioni delle membrane della gravidanza che talvolta si possono presentare e che definiscono la mola vescicolare.
Suggerisco quindi di effettuare il dosaggio delle beta-hCG su sangue a
distanza di circa tre settimane dall’intervento per meglio definire la
situazione in quanto raramente la
degenerazione idropica dei villi potrebbe sottintendere proprio una situazione di questo tipo. Assocerei anche una ecografia trans vaginale che farà vedere al suo specialista di fiducia per definire la necessita di ulteriori approfondimenti o terapie.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti