Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 10/05/2021 Aggiornato il 17/05/2021

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.

Una domanda di: Marta
In caso di visita oculistica nelle prime settimane di gravidanza, possono
essere pericolose le gocce che mettono per fare dilatare la pupilla e l’esame
OCT (tomografia ottica)? Ci sono rischi per il feto?

Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Marta,
i farmaci cosiddetti midriatici sono assorbiti in quantità molto basse dopo somministrazione oculare e sono rapidamente eliminati dall’organismo.
È perciò improbabile che possano aumentare il rischio di malformazioni.
La valutazione spetta, però, all’oculista che effettuerà l’esame: alcuni per maggior cautela preferiscono posticipare questo esame dopo il primo trimestre di gravidanza. La invito quidi ad avvisare l’oculista del suo stato di gravidanza in modo che sia lui a decidere come è più opportuno comportarsi.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fai la tua domanda agli specialisti