Esantema dopo la comparsa di placche in gola: cosa può essere?

Dottoressa Floria Bertolini A cura di Dottoressa Floria Bertolini Pubblicato il 23/08/2021 Aggiornato il 30/08/2021

Ci sono segni inequivocabili che caratterizzano la scarlattina: tra questi la comparsa di un'eruzione dopo le placche in gola.

Una domanda di: Agata Valentina
Ho mia figlia che dopo placche alla gola ha sviluppato un
esantema alla pelle, siamo sotto controllo ma ancora nessuno mi sa dire a
cosa è dovuta, se lei potesse darmi qualche informazione gliene sarei
grata. La ringrazio in anticipo, sono molto in ansia.
Floria Bertolini
Floria Bertolini

Gentile Agata Valentina,
le informazioni che mi dà sono davvero poche: probabilmente la bimbina, oltre alle placche alla gola, ha avuto due o tre giorni prima della comparsa delle manifestazioni cutanee la febbre, proseguita poi durante il periodo delle manifestazioni cutanee.
Se è così, penso potrebbe essere affetta da scarlattina, una malattia altamente contagiosa, provocata da un batterio, lo streptococco beta emolitico del gruppo A.
L’esantema è costituito da macule minute, di colorito rosso acceso, fittamente disseminate, fino a confluire senza intervalli di zone chiare.
L’eruzione inizia alla radice degli arti (ascelle ed inguini) e si diffonde al resto del tronco, all’addome, agli arti e al volto.
Al viso l’esantema occupa tutto il volto, salvo una regione pressoché triangolare tra naso, regione periorale e mento.
Esercitando una pressione sulla pelle, l’esantema scompare temporaneamente. La manifestazione eritematosa dura da due a cinque giorni, poi schiarisce progressivamente e lascia posto alla desquamazione della pelle.
La malattia era spesso mortale prima dell’era degli antibiotici o spesso veniva superata con postumi gravi renali (glomerulonefrite), cardiaci (patologia delle valvole cardiache) o articolari.
Senza altri dettagli non riesco a formulare altre ipotesi. Tuttavia, visto il quadro cutaneo impegnativo, spero abbia già contattato il pediatra. Se così non fosse già stato fatto è urgente che la bambina venga visitata per iniziare quanto prima la terapia con antibiotico, nel caso si trattasse di scarlattina. Non esiti quindi, eventualmente, a portarla in un Pronto soccorso pediatrico. Con cordialità.

Cordiali saluti,

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Cisti del dotto tireoglosso in una bimba di due anni: si deve operare?

30/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Le cisti del dotto tireoglosso vanno sempre rimosse chirurgicamente, quando farlo dipende dal numero di infiammazioni a cui vanno incontro. La decisione spetta comunque al chirurgo pediatra.   »

Broncospasmo: c’è un modo per prevenirlo?

29/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

ll respiro con sibilo espiratorio spesso è legato a un'infezione virale respiratoria ed è molto comune nei bambini piccoli. Tende a sparire in età scolare ma se persiste rende oppurtuno effettuare un test cutaneo per le allergie.   »

Mancato concepimento: può essere colpa di un’incompatibilità di coppia?

29/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

L'ipotesi che la gravidanza non si avvi a causa di un'incompatibilità di coppia è attraente per chi si occupa di infertilità, ma non ha alcun fondamento scientifico. Almeno per quanto si è scoperto fino a ora.   »

Dubbio sul valore dell’alfafetoproteina in gravidanza

22/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il dosaggio dell'alfafetoproteina con il miglioramento delle tecnica ecografica ha perso significato come indagine per individuare alcune malformazioni del feto, come la spina bifida.   »

Fai la tua domanda agli specialisti