Escoriazioni locali dopo i rapporti: cosa può essere?

Chirurgo Filippo Murina A cura di Chirurgo Filippo Murina Pubblicato il 24/02/2023 Aggiornato il 24/02/2023

La secchezza vaginale, che comporta una insufficiente lubrificazione, espone a uno sfregamento che causa microlesioni locali. Ma il rimedio c'è.

Una domanda di: Maria
Salve, ultimamente è da circa un mese che sto avendo rapporti regolari con un nuovo ragazzo. Non ho mai avuto problemi tranne in questi 3 giorni. Ho avuto un rapporto parecchio intenso ma penso di non essere stata ben lubrificata perché all’ultimo sentivo un po’ di bruciore ma non ci ho dato peso. L’indomani mi sono svegliata con bruciori e con dei piccoli taglietti là sotto. Oggi è il terzo giorno e mi bruciano un sacco, tanto che non riesco neanche a toccarla. Posso sapere cosa sono? Ma soprattutto c’è da preoccuparsi oppure c’è una soluzione fai da te senza dover andare per forza dal ginecologo? Grazie mille.
Dottor Filippo Murina
Dottor Filippo Murina

Gentile Signorina, irritazione e bruciore dopo un rapporto sessuale sono sovente correlate ad una condizione di ridotta lubrificazione dei genitali esterni, in particolare dell’ingresso alla vagina (vestibolo). La secchezza crea particolare sfregamento ed attrito con la possibile comparsa di lesioni microtraumatiche fonte di disagio. Inoltre, la scarsa idratazione induce una sorta di riflesso sulla muscolatura dell’introito vaginale che può portare ad un ostacolo alla penetrazione, ulteriore fonte di micro danneggiamenti della mucosa. L’origine della secchezza è variabile, infatti ne concorrono alterazioni ormonali (per esempio, alcuni contraccettivi orali), utilizzo di detergenti intimi inadeguati o impiego di prodotti che facilitano la disidratazione della cute vulvare. La condizione non è grave e si risolve generalmente con l’uso di prodotti lenitivi naturali, come per esempio i gel all’aloe. Si raccomanda anche l’impiego di detergenti per l’igiene intima specifici. Fondamentale è la prevenzione attraverso l’impiego di lubrificanti adeguati da acquistare in farmacia. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti