Eutirox: va sospeso immediatamente dopo il parto?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 04/12/2022 Aggiornato il 04/12/2022

Sospendere l'assunzione dell'Eutorix subito dopo la nascita del bambino non è una scelta condivisibile. Meglio aspettare, eventualmente riducendo il dosaggio rispetto a quello consigliato in gravidanza.

Una domanda di: Caterina
Salve, sono alla 37esima settimana di gravidanza e, da inizio gravidanza, il valore del TSH era leggermente in rialzo e il mio ginecologo mi ha prescritto Eutirox prima 25 poi 50 che sto prendendo tutt’ora e le analisi vanno bene. Adesso vorrei sapere se, appena dopo il parto, è opportuno sospendere da subito l’assunzione di Eutirox e ripetere le analisi dopo un mese, oppure ridurre il dosaggio a 25 il primo mese e poi sospendere? Il mio ginecologo mi ha suggerito di sospendere da subito però io ho dei dubbi vorrei un vostro parere. Grazie.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora, innanzi tutto desidero dirle che la sua domanda è molto pertinente. Ritengo che il suo dubbio circa l’opportunità di sospendere l’Eutirox subito dopo il parto sia più che lecito in quanto farlo non sarebbe la scelta più condivisibile. Da quello che riferisce si desume che nel corso della gravidanza la funzionalità della sua tiroide sia peggiorata progressivamente (infatti le è stato aumentato il dosaggio dell’Eutirox) quindi non possiamo essere sicuri che riprenda la sua normale attività immediatamente dopo la nascita del bambino. Per il suo benessere, consiglierei quindi di continuare con l’Eutirox riducendo il dosaggio a 25, come giustamente lei pensa sia corretto fare. Stia tranquilla che se anche la sua tiroide dovesse riprendere a funzionare bene immediatamente dopo il parto, l’assunzione dell’Eutirox sarebbe inutile ma non dannosa, anche per quanto riguarda l’allattamento. Per contro potrebbe essere un male per la sua salute non prendere l’Eutirox, se necessario. Direi dunque di passare a un dosaggio di 25 a partire dal parto e di effettuare l’analisi del sangue per il dosaggio del TSH dopo circa 40 giorni, quindi al termine del puerperio. Se dovesse emergere un valore inferiore a circa 0,4 significherebbe che lei non ha più bisogno dell’Eutirox. Se il valore fosse compreso tra 0,4 e 2, magari tendente al 2, sospenderei la cura ma ricontrollerei il valore dopo qualche settimana. Se invece il valore fosse compreso tra 2 e 3,5 proseguirei con 25, con controllo dopo 30 giorni. Naturalmente le sto parlando a grandi linee, in base alla mia esperienza. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti