FANS, antibiotico e TAC a inizio gravidanza

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 28/09/2023 Aggiornato il 28/09/2023

In linea di massima non vi sono particolari rischi per il feto in caso di TAC dentale e di assunzione di augmentin + acido clavulanico a inizio gravidanza. Un po' diversa la situazione in relazione ai FANS.

Una domanda di: Luana
Salve dottore, non so ancora di essere incinta, ma dopo l’ovulazione e dopo aver provato a concepire, ho avuto un problema ad una mola e hanno dovuto procede con la devitalizzazione, quindi ho preso antibiotico Augmentin e molte nimesulide (quella che mi preoccupa di più), ho pure fatto una tac dentale, se dovessi scoprire a giorni di essere in gravidanza ci sono vari rischi di malformazione?
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Luana,
per una valutazione più approfondita è necessario sapere in che settimana dell’eventuale gravidanza è avvenuta l’esposizione ai farmaci e alla TAC.
In ogni caso, gli studi sull’uso dell’associazione amoxicillina + acido clavulanico in gravidanza non documentano un aumento del rischio di malformazioni.
Anche la TAC dentale non è associata a rischi: la dose di radiazioni assorbita è molto bassa e di molto inferiore alla soglia potenzialmente pericolosa.
Ci sono dati limitati sull’uso di nimesulide durante il primo trimestre di gravidanza. I dati riguardanti la classe dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), a cui appartiene il farmaco, valutati complessivamente non indicano un’associazione con un maggior rischio di difetti congeniti. Uno studio specifico sulla nimesulide ha osservato un aumento del rischio di anomalie genito-urinarie, ma la metodologia utilizzata non consente di valutare in modo attendibile se le malformazioni possano essere attribuite al farmaco o siano dovute ad altri fattori.
Pur se con risultati non conclusivi, alcuni studi hanno osservato un aumento del rischio di aborto spontaneo in donne che avevano assunto FANS.
Inoltre, l’assunzione di antinfiammatori a ridosso del concepimento potrebbe rendere più difficile che questo abbia successo. A mio parere nel suo caso potrebbe essere quest’ultimo il rischio maggiormente rilevante. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti