Fare l’amore dopo il parto: impegnativo come la prima volta

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 24/06/2020 Aggiornato il 24/06/2020

Dopo il parto, la ripresa dei rapporti sessuali per molte donne si rivela un'espereinza in salita. Ma tutto è destinato a risolversi.

Una domanda di: Tiziana
Ho partorito il 4/03/2020 con parto naturale ma ho avuto diversi punti a causa di molte lacerazioni! Qualche giorno fa ho provato ad avere rapporti con mio marito ma mi sono fermata subito perché ho accusato dolore appena lui ha iniziato la penetrazione e poi ho avuto perdite di sangue! Da cosa può dipendere? Cosa posso fare? Purtroppo mi vergogno a parlarne con la mia ginecologa! Grazie
Ps. Non ho ancora avuto il primo ciclo dopo il parto (capoparto) in quanto allatto.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, prima di tutto congratulazioni per essere diventata mamma!
I primi rapporti sessuali dopo il parto sono un po’ in salita per diversi motivi, non ultimo il fatto che allattando spesso e volentieri la libido è ai minimi storici.
Nel suo caso potrebbero anche esserci dei problemi legati alla cicatrizzazione delle lacerazioni del parto.
Purtroppo non è possibile escluderlo, se non sottoponendosi ad un controllo con la sua ginecologa.
La invito a non vergognarsi di questo…perchè mai dovrebbe? Se c’è un problema medico, è cosa buona e giusta farlo presente, non certo tacerlo!
La visita ginecologica dovrebbe escludere che ci siano delle alterazioni dell’anatomia tali da impedire il rapporto sessuale, mostrare che tutto è tornato come prima (o quasi!) e che, forse, il problema è stato un po’ di tensione da parte sua…diciamo che dopo il parto fare l’amore nuovamente è impegnativo quasi come la prima volta!
Il fatto di avere delle perdite di sangue in occasione del rapporto, per quanto possa impressionare, non è detto sia sinonimo di una lacerazione ancora aperta: potrebbe anche trattarsi di una perdita di mucosa endometriale dovuta alle contrazioni uterine che la stimolazione del rapporto suscita.
Spero di averla tranquillizzata e motivata a sottoporsi ad un controllo ginecologico…vedrà che ne sarà valsa la pena!
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti