Fare l’amore in gravidanza può causare un parto pretermine?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 09/11/2022 Aggiornato il 09/11/2022

Coltivare l'intimità di coppia non solo è concesso ma è anche più che consigliabile nei mesi dell'attesa, per rendere ancora più saldo il legame tra i futuri mamma e papà, a tutto vantaggio del bebè in viaggio.

Una domanda di: Adina Gabriela
Salve dottoressa, non so se si ricorda di me… Avendo avuto delle risposte davvero molto chiare da lei, e avendomi dimostrato molta professionalità, ho deciso di riscriverle per avere altri consigli/pareri… Sono in gravidanza (28+1). Io dall’inizio della gestazione, essendo pienamente fisiologica, ho sempre avuto rapporti completi…mi è stato detto (da conoscenti) che il liquido seminale all’intero può creare parto prematuro o contrazioni… Vorrei sapere se è davvero così, se dovrei smettere di avere rapporti completi in gravidanza o se posso stare tranquilla. La ringrazio tanto anticipatamente, attendo sue risposte.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, sono contenta che la sua gravidanza stia procedendo a gonfie vele e anche che lei si senta libera di pormi una domanda così “intima”: non è scontato!
Le posso confermare che in gravidanza (fisiologica, come lei stessa l’ha definita) si possono avere rapporti completi e che questi non costituiscono una minaccia dal punto di vista delle contrazioni uterine premature.
Infatti la Natura è bene attrezzata e ha predisposto tutto in modo davvero meraviglioso.
Non è così facile osservare un’astinenza per nove mesi consecutivi, no? E infatti non è richiesta, per fortuna!
L’unica accortezza da avere durante il rapporto sessuale, è che non causi dolore alla mamma.
(Il dolore ci protegge e nel travaglio di parto ci guida ad assumere le posizioni più adatte, per questo l’epidurale può essere una cattiva alleata di noi donne, anche se è fuori moda farlo presente.)
Tornando al rapporto, sappiamo che vengono messe in circolo sia le endorfine (l’ormone dell’innamoramento) che l’ossitocina (ormone delle contrazioni)…per questo partorire è molto più simile a far l’amore di quel che crediamo!
Tuttavia, fino alla 37° settimana di gravidanza, l’ossitocina non è motivo di contrazioni uterine in quanto l’utero non ha ancora espresso i recettori per l’ossitocina e quindi, semplicemente, non è responsivo a questo ormone.
Vale lo stesso discorso anche per l’allattamento al seno: non mette a rischio la gravidanza la donna incinta che allatta.
Quanto alle prostaglandine contenute nel liquido seminale, non sono in grado di indurre la maturazione del collo (ossia di farlo ammorbidire e preparare per dilatarsi) dell’utero se ancora non è giunto il momento giusto.
In sostanza, le confermo che può approfittare di questi mesi di gravidanza per unirsi al suo compagno e mi permetto di osservare che è davvero importante che questo accada, per partecipare insieme dell’avventura di diventare genitori.
Spesso capita che i papà abbiano timore di mettere in pericolo la gravidanza stessa, invece non c’è nulla da temere, anzi: meglio approfittare ora che il bimbo non richiede attenzioni…dopo il parto far l’amore non sarà così agevole per vari motivi che ora non sto a illustrarle (non le rovino la sorpresa)
Il rapporto tra voi è quello che ha dato origine a questa nuova vita e va alimentato giorno per giorno…o notte dopo notte…
Le faccio le mie congratulazioni per la gravidanza che ormai è giunta al terzo trimestre…chissà se seguirà il corso pre-parto con delle brave ostetriche?
Credo sarebbe davvero utile per lei e, perché no?, anche per il suo compagno
Resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti