Fastidio vaginale che non passa

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 17/01/2023 Aggiornato il 17/01/2023

Un tampone vaginale per la ricerca di germi patogeni è il primo passo da fare quando si sospetta un'infiammazione vaginale.

Una domanda di: Ale
In questo ultimo anno ho fatto diverse cure, fino a quando si è riscontrato nel tampone vaginale ureoplasma e candida. Mi era passato tutto, dopo un mese ritornano i fastidi e la dottoressa mi effettua un altro tampone dicendomi che è infezione batterica, ho preso ovuli vagilen e fermenti. Però continuo a sentire fastidi, come se avessi un infiammazione alla parte alta della vagina. Grazie in anticipo per la risposta.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, le infezioni vaginali ricorrenti sono quasi sempre dovute a variazioni del pH vaginale o a intestino irregolare. Per meglio definire il percorso terapeutico, il tampone vaginale completo con la ricerca di tutti i germi possibili rappresenta la prima scelta con conseguente utilizzo di terapia specifica in base al germe riscontrato. Qualora persista il disturbo in assenza di un germe evidente sul tampone vaginale bisogna prendere in considerazione alterazioni del microbiota vaginale ovvero della composizione della famiglia di germi fisiologici presenti all’interno della micro ambiente vaginale che possono di per sé determinare il disturbi da lei lamentati anche in assenza di patogeni. In questi casi una corretta alimentazione e l’uso di integratori specifici a seconda del tipo di variazione delle percentuali dei ceppi di famiglia di batteri fisiologiche che compongono il microbiota, possono essere utilizzati per ridurre la sintomatologia con la soluzione del problema. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti