Fattore V di Leiden e vaccino anti-Covid

Professor Angelo Michele Carella A cura di Professor Angelo Michele Carella Pubblicato il 02/05/2021 Aggiornato il 02/05/2021

Il vaccino contro il Sars-CoV-2 non è controindicato nelle persone con fattori genetici che predispongono alla coagulazione del sangue.

Una domanda di: Antonietta
Dovrei fare il vaccino anti-Covid e ho il fattore V di Leiden. Non prendo
nessun medicinale, ho quasi 58 anni. Chiedo se posso farlo tranquillamente o
se prima devo fare qualche cura particolare o analisi mediche. Grazie, saluti.

Angelo Michele Carella
Angelo Michele Carella

Cara Signora,
come è stato precisato dall’AIFA non ci sono dati che controindichino la somministrazione del vaccino anti- Covid nel suo caso. Non è necessario neppure utilizzare cardioaspirina o altri anticoagulanti in previsione della vaccinazione o subito dopo.
Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti